PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Notte di stelle, di poeti e..

Dieci agosto.
Io lo so perché tanto di stelle
nell’aria tranquilla
arde e cade, perché sì gran pianto
nel concavo cielo… ecc.

Così la prima vicenda
che mia madre,
sprovvista di fiabe
quanto anche io fui ,
mi raccontava per
lenire curiosità e
smania di imparare
il mondo
del bimbo che fui
e che la vita
crebbe troppo in fretta,
… o forse mai,
... ma solo ora, da poco,
so
che quei diamanti
splendenti
e fatui
che solcano
scie di fuoco
negli infiniti cieli
e ancora più nei
sogni umani,
attesi e invocati,
cercati e
a malapena
scorti,
sarebbero stati
per me
solo
il fantasmagorico
e tragico
fuoco d’artificio
che tu,
complice
con me,
accendesti
in quella beffarda
sera
per dare
gran festa
sulla tomba del
nostro
amore grande e perduto .
Ma, ugualmente,
fatalmente,
non fu un addio.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • sara rota il 20/01/2009 07:34
    Malinconica e triste, ma ricca di tanto sentimento...
  • Rodica Vasiliu il 10/01/2009 13:11
    Tutte le storie sono vere... come tutte le verità sono o possono diventare fiabe... Piaciuta molto!! R

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0