accedi   |   crea nuovo account

Alba di primavera

Soffia il vento sull’oleandro e la ginestra,
l’ulivo mostra il grigio verde delle foglie che lo adornano,
il fico s’inchina a sua maestà,
lo stridio fischia quasi un ulular.

La notte è bella è trasparente
in lontananza l’orizzonte appare
tutto s’acquieta,
il rosso dell’alba sfuma sul mare.

Il nuovo giorno è al cominciare
fra gli aromi dei papaveri e fiori di mandorlo,
sotto un cielo azzurro splendente di sole,
in un giorno di primavera che anima l’alba del sud.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Massimo Tusa il 15/01/2009 09:21
    Al suo risveglio, la natura rilascia arcobaleni di colori, profumi ed umori.
    Bravissimo
  • Anonimo il 10/01/2009 21:40
    Macchia mediterranea... bellissima!
  • Anonimo il 10/01/2009 19:00
    che esplosione di colori e di odori in questa primavera... passione rossa e bainco candore..
    molto bella Aurora
  • Gaspare Serra il 10/01/2009 17:04
    interessante...
  • Vincenzo Capitanucci il 10/01/2009 15:09
    Oleandri bianchi... ginestre gialle... nel rosso d'Alba... fuma e sbuffa il mare...
    Bellissima prima-vera... d'Anima... fra rossi papaveri... e bianchi mandorli... sacro e profano... in questa Alba... dionisiaca... sotto un sole... apollineeo... di un iperboreo Sud...
    Lasciano attoniti... tutti questi toni... forse per uno splendido rosa... in fiore bocca di Rosa...
    10 anni fa... Fabrizio è partito per un viaggio... penso avrebbe amato... lo stridio fischia... quasi un ulular... di questa Alba...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0