PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Muraglia

Gli occhi spenti di una muta sera
affondano i piedi su una tiepida sabbia di stelle
calpestando quel senso d’inquietudine e incanto
dell’uomo senza domande sull’immenso.

Sulle onde bramose d’una lacrima
si riflette la luna morente
che s’infrange contro una scogliera d'anime,
l’ultima muraglia della sera.

È imbrattando d’animosità la quiete
che risorgo ogni giorno dal mare,
trovando l’istinto oltre la ragione …

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 18/02/2009 10:59
    Bel componimento.
    Secondo me, occorre calibrare meglio gli entusiasmi.
  • Angela Marino il 10/02/2009 17:11
    Bellissima e delicata. La seconda strofa è davvero stupenda. Bravo.
  • Anonimo il 30/01/2009 15:20
    splendida... butto giu la muraglia della sera e risorgo ogni giorno dal mare..
    un sorriso aurora

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0