accedi   |   crea nuovo account

Cominciano a bere sempre più giovani

Abusare di alcolici fa male e tutti lo sanno.
Perchè alcuni riescono a fermarsi in tempo,
altri non ce la fanno.
Oggi molti giovani tengono paura delle loro emozioni,
perchè non sanno gestirle e non tengono
quella che io chiamo la valigia della sicurezza.
Cosi' di fronte alla prima delusione di non essere
accettati a una festa o rifiutati
da un gruppo di giovani o da ragazzine,
per non crollare cercano una stampella all'esterno,
nel bere o altre dipendenze.
Bisogna costruire una sicurezza che aiuta
i figli a non cadere in certi pericoli.
Essere adolescenti è lo sbocco di un percorso
che deve essere impostato molto prima.
È molto importante che i genitori siano
in sintonia con i propri figli sin da piccoli,
che riescano cioè a mettersi nei loro panni
cercando di sentire e accogliere i loro bisogni.
In questo modo insegnano loro a riconoscere
le proprie emozini, per governarle e gestirle.
I genitori devono anche dare regole e tracciare confini.
Loro sono come dei piloti e i loro figli come passeggeri.
Alla prima sbandata i piloti dicono di prendere la guida
dell'automobile, i figli sono orgogliosi di farlo,
ma a lungo andare genera in loro grande stress e ansia.
E non sapendo affrontarle, possono attaccarsi
alle forme di qualsiasi dipendenza.
Il problema con il bere o altro è una richiesta di aiuto.
Quindi non chiudiamo gli occhi, ma pargliamoli con franchezza.
Alle volte può essere sufficente passare più tempo
con i nostri ragazzi, chiedegli cosa li preoccupa,
cosa desiderano o sognano..
E dire loro che per qualsiasi dubbio
potranno contare sempre sui loro genitori..

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • claudia checchi il 18/01/2009 21:29
    Anna cara Grazie Sono felice che abbiamo lo stesso modo di vedere.. gradito il tuo commento. un abbraccio Claudia..
  • Anna G. Mormina il 18/01/2009 19:04
    Son d'accordo con te Claudia... bisogna dare un freno all'alcool!... e bisogna dialogare un po' di più.. ti abbraccio!
  • claudia checchi il 17/01/2009 14:25
    Grazie Rita.. Per il tuo commento molto gradito... bacione Claudia
  • rita giannini il 16/01/2009 21:11
    com'è difficile fare i genitori... o forse no, non so... forse basta essere genuini e presenti, sempre, e loro lo percepiscono e di conseguenza acquisiscono certi valori... almeno lo spero!!!! comunque, complimenti: è una bella riflessione!
  • claudia checchi il 15/01/2009 00:32
    Grazie Vincenzo... che approvi in pieno questo mio scritto... detto da te che stimo moltissimo... per me è un vero pivilegio... Grazie un abbraccio.. sincero Claudia..
  • Vincenzo Capitanucci il 14/01/2009 23:24
    Fra molti giovani... l'alcool corre a fiumi... come dici tu... sempre più giovani... a causa di noia... di problemi esistenziali... di dolori... sono un grido d'allarme... a cui fare attenzione...

    Bravissina Claudia... genitori attenzione... pochi giorni fa... dei giovani hanno fatto atti di vandalismo... erano ubriachi... uno dei genitori ha detto... era solo una bravata... sminuendo la cosa... attenzione genitori...
  • claudia checchi il 14/01/2009 22:57
    Grazie Fabio... è un dato di fatto che i giovani fanno sempre più uso di alcolici..
    purtoppo... lo dicono le statistiche... poi sù alcune cose posso pensarla come te..
    con affetto e stima... Claudia...
  • Fabio Mancini il 14/01/2009 21:56
    Non sempre i problemi interpersonali, possono essere prevenuti, o risolti, con il buon dialogo e con la disponibilità. Secondo le tue parole sembrerebbe che una volta superato il conflitto dell'insicurezza, tutto possa scorrere sui binari della felicità. Ma non è così. Per esperienza personale, ma non parlo del mio rapporto con mio figlio, ti dico che dentro di noi talvolta albergano dei muri ai quali nessuno vi accede. Nemmeno noi stessi. Quei muri vengono chiamati in tanti modi: blocchi, rifiuti, incomunicabilità e via dicendo. Per cui, secondo me, non esistono relazioni perfette, ma esisteno persone imperfette che cercano di comunicare in modo efficace. E io sono tra queste. Un saluto, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0