username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A Beppe

Disperso
il suono della tua risata
per le strade crudeli
che separano gli amanti.
Gettati al vento
i fogli pieni di parole
magiche, ironiche o profonde
che scrivevi assorto
in pomeriggi d’estate.
Dimenticati
la passione il frastuono i progetti
l’odore del fumo e del whisky
il sapore di cibi gustosi
le fughe e i ritorni
la violenza e la dolcezza
che per un tempo breve
ed infinito
mi avevano invaso la casa
e la vita.

Spente le mie emozioni
nel guardarti vivere
da lontano.

Eppure era dolce,
senza pensarci,
sapere che c’eri.
Quella vita ritorna
sul volto terreo della morte
e non posso più
trasformarla in amore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Anonimo il 07/01/2010 22:55
    Piaciuta
  • Dannunziano _ il 12/07/2009 03:34
    bella e commovente
  • Dolce Sorriso il 26/02/2009 22:25
    bella e struggente
    piaciuta
  • Maria Lupo il 16/02/2009 00:43
    Sempre profondi e mirati i tuoi commenti, Ugo. Questa volta, in particolare, sono commossa.
    Questi versi dei Sepolcri mi sono carissimi... In questo caso, la memoria, e forse la poesia, addirittura mi fanno recuperare l'amore che pensavo di avere perso.
    È pur sempre un'illusione, come lo stesso Foscolo dice.
    Grazie di cuore.
  • Ugo Mastrogiovanni il 15/02/2009 17:57
    “…e non posso più trasformarla in amore. ” io penso di si. Questo singolare tratto dei tuoi bei versi, tutti pervasi di un caratteristico fascino, mi ricordano quelli del Foscolo, che sostengono il contrario:
    “Non vive ei forse anche sotterra, quando
    gli sarà muta l'armonia del giorno,
    se può destarla con soavi cure
    nella mente de' suoi? ”
    Brava Maria.
  • Maria Lupo il 08/02/2009 10:46
    Speriamo, Gigi. Parole belle e consolanti. Grazie.
  • luigi deluca il 08/02/2009 07:47
    sai che io "credo" che il filo della vita sia "continuo"... sai che io ancora sto rincorrendo il "momento" nel quale potrò "coesistere" con l'altra mia parte,
    immagina quindi, che è solo questione di "tempo" ma "l'Unione" quella che ricongiunge l'anima spaccata in due... accadrà, è nella natura, è nella nostra essenza!
  • Maria Lupo il 08/02/2009 00:59
    Grazie, Riccardo. E'un amore... di ritorno. Ritorno solo della memoria purtroppo.
  • Riccardo Brumana il 08/02/2009 00:20
    leggo tanto amore nelle tue parole... mi è piaciuta.
  • Maria Lupo il 24/01/2009 02:18
    Credevo di aver risposto...
    Grazie a tutti per i commenti.
    Ivan, hai colto l'essenza, come sempre.
    Paul, bellssima e molto adatta a questo caso la tua definizione della poesia.
  • Paul D'Arse il 21/01/2009 12:56
    Nel disordine della nostra mente la poesia, a volte, ha il compito di collocare i nostri segreti in un luogo sicuro. Mi è piaciuta molto. ciao
  • Ivan Bui il 20/01/2009 16:00
    ... non é soltanto una dedica, é un riemergere di ricordi, emozioni, rimpianti. La morte si porta via ogni possibilità ... é triste, anche se a quelle possibilità magari avevi già rinunciato.
  • Donato Delfin8 il 19/01/2009 08:19
    Dolcissima dedica. grazie a presto
  • Cinzia Gargiulo il 19/01/2009 08:17
    Una dedica molto dolce e piena di nostalgia.
    Brava!
    Un abbraccio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0