accedi   |   crea nuovo account

Olocausto

Furono presi e condotti
come agnelli al macello

stipati in treni di ferro
percorrenti rotaie di ferro

come di ferro furono
i chiodi che al Cristo
trafissero mani e piedi.

Furono rinchiusi in baracche
di legno
arsi nei forni crematori
costruiti anch'essi con il legno
come di legno
fu la Croce del Cristo.

Ed il filo spinato
che circondava i lager
era lo stessa corona di spine
posta sul capo del Cristo
urlante e piangente.

Quel Cristo
che in quell'estremo suo dolore
insegnò il perdono, l'amore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • Fabio Solieri il 09/09/2014 09:10
    Poesia di Fede, ma soprattutto per non dimenticare, perché l'uomo è bestia e spesso non impara niente dai propri errori
  • mario durante il 22/07/2011 17:53
    Bella la tua d'esordio, tragica, drammatica, ben costruita. Profonda e pregna di confronto di fede.
    @ Alessandro, veramente centrato il tuo pensiero. Condivido.
  • Alessandro Guerritore il 19/07/2011 23:49
    Cosa sia accaduto ora solo Dio lo sa. La cultura della morte si ripete ogni giorno, anche nei nostri tempi. Vedi l'aborto! Milioni e milioni d'innocenti che perdono il diritto alla vita prima ancora di nascere. Non aggiungo altro. L'olocausto, non cessa di esistere.
  • Bruno Briasco il 03/06/2011 19:38
    Certo che iltuo esordio ha espresso una poesia drammatica... la croce del Cristo
    , con una chiusa fantastica: il perdono.

    "Perdona, Padre, perché non sanno quello che fanno".

    Ti abbraccio nel Signore ringraziandoti di tutto ilsosten0o che continui a darmi.
  • giulio costantini il 10/04/2011 15:19
    bella davvero.. complimenti..
  • Giuseppe Bellanca il 17/06/2009 17:46
    Imparo a conoscerti, inzio dalla tua prima faccio un passo indietro mi scuso se non l'ho fatto prima, ma ne hai scritte tante ed ho bisogno di tempo e non potrò commentarle tutte ma per questa vorrei spendere due parole vorrei dire di elogio per il tuo scritto un tema complesso che mi trova concorde al tuo spero che non ci siano più olocausti anche se il vero olocausto è l'uomo che perseguita se stesso... ciao Loretta sei bravissima.
  • Ezio Grieco il 06/03/2009 13:55
    .. scritta bene, però argomento... difficile.
    clezio
  • Domenico Montaleone il 23/02/2009 19:09
    Condivido pienamente il tuo manoscritto! Ciao Loretta
  • loretta margherita citarei il 20/02/2009 09:18
    essendo cristiana, cittadina del mondo, ho voluto esprimere con questo mio parallelismo con il Cristo, la sofferenza che l'integralismo fanatico delle religioni porta.
    per secoli il popolo ebraico fu consideratocome l'uccisore del Cristo, e mi duole constatare che ancora oggi vi siano olocausti, anche di pensiero e di parola
  • Marcello De Tullio il 19/02/2009 08:10
    Se tutti potessero capire quello che i dittatori, le guerre, i massacri portano dentro i loro fardelli si accorgerebbero dell'orrore che si trascinano lasciando una lunghissima scia di sangue e di fango perchè non capiscono cosa vuol dire amare, ed oggi anche noi nel 2009 viviamo un nostro olocausto, l'invidia, l'odio, l'indifferenza, la solitudine, la miseria e solo con l'amore che Gesù ci ha insegnato potremo colmare queste lacune e non ci sarà più un nuovo olocausto.
  • Massimo Tusa il 12/02/2009 15:24
    Un olocausto è un olocausto, che sia per uno, cento, mille o milioni. Chi perisce sott'al ferro altrui è vittima di un olocausto. Brava
  • Sandrino Aquilani il 08/02/2009 19:34
    Visto che hai commentato una mia poesia, per conoscerti ho letto quello che ho trovato di te. Olocausto, un tema difficile, che hai saputo trattare con sensibilità e sapienza. A presto
  • Marina Walker il 28/01/2009 09:51
    molto valida
  • sara rota il 22/01/2009 07:04
    Molto sentita... un brutto ricordo per aiutarci a non dimenticare mai...
  • alberto accorsi il 21/01/2009 22:41
    Cristo non c'entra proprio nulla stavolta. Pensierini superficiali.
  • ANNA MARIA CONSOLO il 21/01/2009 22:22
    e se solo riuscissimo a pensare a quale bellezza è un attimo di vita!!!!!!!
  • Gaspare Serra il 21/01/2009 20:35
    Poesia che invita alla riflessione... e che dovrebbe (soprattutto in queste settimane) far riflettere molti ebrei-israeliani...
  • le fabbriche dismesse il 21/01/2009 19:51
    Complimenti, molto bello il parallelo tra l'olocausto e cristo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0