PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Guerra tra i banchi

Vi guardo sgomenta:
cupi sguardi d'odio
corrono tra voi,
da piccole labbra
volano parole insane,
è già cominciata la vostra guerra.
Il compagno, amico fino a ieri,
oggi è diventato nemico.
Poveri, infelici,
vecchi bimbi,
avete già perduto l'innocenza.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • sara rota il 23/06/2007 10:29
    Una crescita troppo affrettata?...
  • Rosarita De Martino il 16/06/2007 19:28
    Caro Vittorio Fornasini, mi chiedo perplessa: Ma chi doveva mollarmi? e perchè? Nella poesia da te commentata si nota chiaramente che mi trovo in classe con i bambini i quali litigano fra loro per futili motivi.
  • patrizia chini il 30/12/2006 14:03
    Non credo nel Bambino che sa odiare. L'odio è un sentimento dell'adulto. Se il bambino odia sta facendo l'imitazione dell'adulto,..
  • augusto villa il 26/07/2006 16:54
    eppoi... piu' si cresce e più ci si inquina... dentro!
  • augusto villa il 26/07/2006 16:52
    accidenti... questa e' proprio bella... ed il concetto e' chiarissimo...
    scrivi proprio bene!
    Ciao.
  • Wanda D'Arrigo il 23/07/2006 19:20
    L'infanzia è la cosa più bella che ci sia poi però si è destinati a crescere e ad essere inghiottiti dal mondo che ci circonda

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0