accedi   |   crea nuovo account

Lunedi ore 7

è ancora cosi
che mi sveglio, pensando al lavoro
a occhi putridamente ridicoli
disposti su schiere di apparenze.
é ancora cosi che penso, alla mia ragazze
alle sue fatiche da trecento euro al mese,
le vergogne del padrone toccano persone a me vicine.
Eì ancora cosi che voglio fortemente, una rivoluzione di terre e cieli, un'impeto di chi ribelle non lo è mai stato
per gente che ha mai avuto cuori.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • sara rota il 28/02/2007 22:28
    Ogni tanto è bello svegliarsi, pensando alla felicità e non al putridume che ci circonda. Un po' più di ottimismo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0