accedi   |   crea nuovo account

Due passi all'inferno.

È nella potenza del tuo sguardo, che son caduto.
Esso fu degno di consacrare e ridestare,
ciò che Theofile Gautier scrisse per la sua “morta innamorata”.

Ciò che fu l’apoteosi dell’umana bellezza,
la ritrovo pienamente,
in tutte le divine alchimie
nella mia ripida discesa agli inferi
che i tuoi occhi verdi hanno sospinto.

È così ti ho davanti,
nell’immagine più degna di esser ricordata,
prim’ancora le tue labbra,
soffici artifici stracolmi di nettare,
ove per molto tempo ho spergiurato di morire sazio.

Ciò che hai scritto nel mio cuore è eterno,
indelebile alle tristi alluvioni di follia
che consapevole e mendace,
hai scatenato nella mia anima.

Non dir più niente. Non credo a niente.
Padre Nostro,
abbi pietà di me,
che per vivere ancora
ho deciso di morire.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 19/02/2009 19:04
    PIENA e AFFASCINATE... Baci Lylly
  • Anonimo il 02/02/2009 17:10
    Tristissima e bellissima
  • Vincenzo Capitanucci il 28/01/2009 23:42
    Bellissima... hai inciso nel mio cuore un sigillo... in parole luminose di eternità...
  • ANNA MARIA CONSOLO il 28/01/2009 16:20
    straziante!
  • Kiara Luna il 28/01/2009 14:37
    A volte l'amore ti attira alle porte dell'inferno... ma allora non era Amore...
    Davvero bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0