username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La colomba e "Riccioli d'oro"

Passeggio con occhi allenati nel cielo,
scorgo un esiliare deciso di antichi corvi,
mentre, lievi, avanzano rosee ancelle portatrici di luce.

Vedo carrozze argentate stipate di stelle,
la più ribelle fugge e mi esorta a seguir la sua scia.

Scopro caverne di tuoni, antri di fulmini,
ma, subito, sopraggiunge una colomba color neve neonata,
che mi rapisce e mi porta con sè nel regno lungimirante del sole.

Avvisto complotti di cirri, protetti da scudi alleati di nubi,
ma, d'improvviso, benefici raggi lancieri mi conducono
verso rifugi intonacati di sereno.

Incontro sottili ombre vestite di passato,
le scavalco e le dissolvo, con spade vibranti di volontà
e con fioretti affilati di sorrisi.

Mi imbatto in un bimbo giocoso, con fluttuanti riccioli d'oro,
che corre nel cielo, quasi fosse un prato infinito.
Mi chiama, mi esorta:
"Parti con me, ci aspetta un'immensa vallata con laghi come culle di velluto,
e montagne come dondoli per il cuore.
Mai la vidi, ma son certo che ci aspetta, andiamo."

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Sergio Fravolini il 19/04/2010 17:05
    Riccioli d'oro nella solitudine assordante di tanti perché.

    Sergio
  • Maria Gioia Benacquista il 31/01/2009 12:29
    Molto bella. Mi piace il tuo stile.
    Bellissime immagini descrittive.
  • Donato Delfin8 il 29/01/2009 19:14
    Bella! Piena di speranza, forza di vivere grazie a presto
  • Vincenzo Capitanucci il 28/01/2009 23:23
    Andiamo...
    ... antichi corvi... tramuti in un cambio di luce... in colombe bianche...
    Splendida...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0