PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Violetta

Viola già dal tempo rinsecchita,
per caso ti ritrovo fra le mani,
uscita dalle pagine d'un libro;
mi susciti ricordi assai lontani,

di quando ragazzino frequentavo
la scuola elementare del paese
e nello stesso banco avevo accanto
una bambina tenera e cortese.

Con le treccine bionde e gli occhi azzurri
un soave angioletto mi pareva,
timida e dolce, anche per un niente
il visino di rosso si tingeva.

Era la primavera ed un mattino
aveva in mano un fiore profumato,
raccolto nel giardino della scuola
e dentro un libro mio poi conservato.

Cara compagna dell'età più bella,
mi resta il gran rammarico nel cuore
d'aver dimenticato ormai il tuo nome:
ti chiamerò Violetta, come il fiore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • tanya belletti il 18/03/2009 18:28
    Una viola è sbocciata nei ricordi.. e ha fatto capolino nella tua nostalgia, teneramente stupenda
  • IGNAZIO AMICO il 01/03/2009 11:17
    Un cordiale e sentito ringraziamento ai cari Amici che mi hanno onorato soffermandosi sulla mia poesia.
    Salutissimi.
  • Ugo Mastrogiovanni il 01/03/2009 11:06
    Struttura, ritmo, rima, cosa manca in questa poesia? Nulla, mi tolgo in capello.
  • bruno guidotti il 28/02/2009 12:46
    Caro Ignazio ho letto con piacere la tua poesia, mi è piaciuta, un lontano ricordo, che riaffiora con la tua opera, un po' in tutti noi, un cordiale saluto, Bruno.
  • Anonimo il 28/02/2009 11:48
    Dolcissima!!!
    Scritta benissimo...
    I Ricordi sono un prezioso tesoro x la ns anima.
    Un Bacio
  • bruno guidotti il 17/02/2009 17:42
    Caro Ignazio ho letto ora : Viletta, miè piaciuta, ma di più mi sono piaciute le ultime due strofe, " Vera Poesia ". Dalla foto, hai una grande somiglianza, con l'attore Mattioli, Quello dei Cesaroni per intenderci, dopo leggerò le altre, ciao Bruno.
  • Maurizio Gagliotti il 17/02/2009 10:10
    Delicata come il fiore, un po' retrò come slancio ma bella.
  • Dolce Sorriso il 17/02/2009 09:48
    dolce dolce
    bravo
  • Cinzia Gargiulo il 30/01/2009 20:08
    Una poesia molto dolce dove rivivi con profonda tenerezza un caro ricordo dell'infanzia. Succede talvolta che con gli anni si dimentica il nome delle persone che abbiamo incontrato da piccoli ma nel cuore e nella mente resta il ricordo di quello che per noi hanno rappresentato.
    Bravo e delicato come sempre.
    Un abbraccio...
  • Francesco il 30/01/2009 13:05
    Molto molto bella, dolce e delicata... fra l'altro mi ha ricordato tantissimo un racconto che scrissi anni fa..
    Mi piace molto la struttura, anche narrativa, della poesia, con la prima strofa che, nel caso del tempo presente, apre una scia di ricordi che veleggia fra le successive tre.. per poi tornare di nuovo all'oggi, un oggi che però, per come lo percepisco io, è ancora, nei tuoi recessi, intimamente legato a quello che era, a quello che eri.
    L'ultima strofa è nettamente, comunque, quella che preferisco
  • Vincenzo Capitanucci il 30/01/2009 12:39
    Si... è un bellissimo e dolcissimo nome... Violetta... per una bimbetta che si tingeva in timidezza di rosso...
    Molto bella.. molto dolce... Ignazio...
    Complimenti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0