PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dove è la testa della A se non nel regno dei non A

Non amo la parola dovere
è dura come una testa di rovere

è una fucilazione delle essere
nel mondo senza amore
d'un avere-essere falso

Scusami devo dirlo
devo farlo
non c’è niente
di personale credimi

devo farlo
ma allora fallo
con amore ti prego

Se no mi uccidi

Saremo tutti più
ricchi
sia tu facente
che io ricevente

tutti e due nel vero Ente

Non posso dire
di odiare questa parola
di dovere
chissà da dove
da quali ere
viene
ci viene tramandata
probabilmente
da qualche mente
filosoficamente
castrante

sicuramente
dal cuore
odiata

odiare

perché chi odia
Infondo ama

E odiando
Tesse odi al Re
sulla sacra ara

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 18/04/2009 01:31
    Bella, vera. Romeo.
  • Anna G. Mormina il 30/01/2009 21:54
    ... "devo farlo, ma allora fallo, con amore ti prego..."

    ... eheheh! ... hei, in questo modo, diventa tutto più semplice!
    ... grande!!! :o*
  • Rodica Vasiliu il 30/01/2009 15:24
    Mi sembra scritta per me! sai quanto odio la parola "devo".. ma a chi?? e a cosa? si "deve" qualunque cosa?? Hai ragione me ne frego un po' di tutto e tutti e vivo meglio!! Un bacio, R

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0