accedi   |   crea nuovo account

sorpreso

Ora che vedo, cio' che è sempre stato
Devo comprendere e assimilare la malinconia,
Ispirazione non crea magia
Oltre la linea che ho preposto tra il mio ego
Meraviglie del tempo, scorrete sempre piu'
Evacuate le stanze buie, mettetevi in salvo
Sorridete se ancora ne avete la forza
Trionfate sulle agonie nascoste degli ultimi
E ancora una volta, vivete, non preoccupatevi
Sempre, costantemente, al massimo
Senza pensare alle conseguenze peggiori
Ore trascorse attraversate da scosse di piacere
Doveri cancellati per la propria individualita'
Annunciando l'uscita del male più oscuro
Temerarie azioni che rendono tutto più facile
Rompendo la monotonia che insidia il vivere
Onorare il succo della vitalita'
Per sempre, per l' eternita'
Pensando al tempo del dolore
Orco della sensazione intima più pura
Trafficando tra i prati dei ricordi
E scendendo lungo il viale del sole
Ma non come un normale essere,
Per niente come un'anonima entita'
Oro nell'animo che accresce il destino

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Fiscanto. il 24/12/2009 19:44
    bekka
  • virginia marcelloni il 02/02/2009 01:19
    .. sai a volte nn è facile sopprimere la noia ke ci insidia.. ma sarebbe bello riuscirci.. veramente bella
  • Anonimo il 31/01/2009 10:05
    Ottimismo allo stato pure, ma anche una sana e folle voglia di risplendere di vita..
    Bella! Ciao.
  • Vincenzo Capitanucci il 31/01/2009 04:16
    Onorare il succo della vitalita'
    Per sempre, per l' eternita'

    Splendido... in un destino accresciuto... senza orizzonti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0