accedi   |   crea nuovo account

I monti della luna

Chi attraversa il cielo
con voce di cristallo
Chi tormenta l’anima
Questo furore non porta a Dio
e ci allontana come una deriva
Sospende il sorgere del sole
intrappola il buio tra le nubi
Ciechi i girasoli mutano la rotta
immobili e freddi come pietre
le voci incidono sul viso
solchi di rughe e ombre
Irrompe un canto
Ognuno riconosce il suo lamento
Si eleva un grido
dai monti della luna.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Laura cuoricino il 06/07/2010 19:35
    Bellissima! Analisi della negazione di DIO, che nel nostro cammino terreno attuiamo attraverso comportamenti scorretti... persino la Natura soffre, MA LUI è comunque Amore è quindi perdono, perché 'esiste un perdono ad ogni colpa!'...
  • roberto zannolli il 07/03/2010 19:30
    Peccato che il video non si senta bene. la voce è molto suggestiva e anche la poersia è bella.
  • Mariacarmela Ribecco il 28/02/2010 00:17
    Complimenti per le vostre opere. mi piacciono molto!
  • Angela Marino il 05/02/2009 14:52
    La pace interiore..."Ognuno riconosce il suo lamento"Si, è vero. Ognuno ha un tormento, che nn dà pace.
  • lu cia il 04/02/2009 19:03
    "Ciechi i girasoli mutano la rotta
    immobili e freddi come pietre
    le voci incidono sul viso
    solchi di rughe e ombre"
    Mi piace!
  • Kiara Luna il 04/02/2009 11:36
    È la solitudine dell'anima, la negazione di un amore superiore che grida dai monti della luna il suo vuoto silenzio. Davvero stupenda Sandro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Il video di quest'opera -