PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Perduto nel deserto

Ecco il colle da dove provengono
le urla e gli ululati,
andiamo a vedere,
è lo spirito indiano
tra i suoi lupi!
egli richiama a sé la luna
e gli astri,
prega gli dei
preghiamo con lui -
seguiamolo nel suo viaggio interstellare
e approdiamo in un'altra
dimensione,
- la vista si fa pesante,
ma non smetto di guardare,
la vista si eclissa,
non posso smettere ora!
tutti cominciano ad urlare,
e questo, e il legno scopiettante nel
fuoco, e l'odore del nulla,
questo comincia
a divenir un buon ritmo, poi
una sinfonia vera, insine la
realtà stessa.
sono in uno dei mondi del sogno o
in qualche onirico palazzo
o vedo ciò che vedo,
la desolazione, la tristezza, la fine?

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Raffaele Arena il 04/09/2011 14:35
    Come diceva il Terzani in un celebre titolo di un libro "la fine e' il mio inizio". ed effettivamente in questa forte preghiera che stimola ricerca e curiosita', sicuramente l'izio sara' tutto da vivere! Bella.
  • antonio castaldo il 27/03/2009 20:00
    dall'inizio... alla fine... bella. complimenti
  • Vincenzo Capitanucci il 04/02/2009 10:29
    Manitù... le mani nel Tu... nel grande Spirito...

    Bellissima..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0