username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Compianto in agonia della mia terra

Dall’utero immerso tra i due mari
dove le Cheradi rocciose
a baluardo dei marosi s’ergon
ed in essi si specchian
quando Ionio si placa a Tramontana
e sui prati di gorgonie
i pini marittimi si rifletton
e la costa mossa cela all’occhio
cale di linda sabbia fine
io nacqui.
Non potei allattare alle mammelle
gonfie d’albe consacrate a Clio
che videro i legni Elleni
baciare i raggi obliqui sulla rena
ne’ ai tramonti accesi da Erato cantati
che ispiraron gli animi più puri
ne’ attinsi dalla luna ad Eros tanto cara
più di quella d’altri stellati cieli.
Culla d’erba umida tra i monti m’accolse
lì mi nutrì di bruma e pioggia
di pallidi soli mi scaldai appena.
Torno a volte alla mia amata Madre
tra i seni vuoti il capo porgo
e gli occhi elevo al cielo
le labbra non suggono che il nulla
le iridi non scorgon che grigiore.
La sabbia ora sbiadita più non riluce
dell’isole all’orizzonte non v’è che l’ombra.
O Taras condotto dal delfino
di questa Genitrice tu per primo
godesti la bellezza ormai smarrita.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 20/03/2009 19:15
    È bellissima... la nostalgia del luogo caro... la patria che resta sempre nel cuore... com comprendo tale sentimento...è come ritrovare la pace quando si torna in quei luoghi.
  • terry Deleo il 17/03/2009 17:11
    Taranto: una città a me molto cara, un'amica lontana... una tarantina doc, innamorata della sua terra. Che nostalgia mi hai fatto venire!
    Ma tornerò...
    Complimenti, Marcello.
    terry
  • Maurizio Patrocinio il 21/02/2009 14:07
    Hai descritto la tua terra meravigliosamente, la conosco bene, anche i suoi figli conosco bene, l'amore della propria terra non puo' che dare una forte ispirazione.
    Complimenti ancora. Maurizio.
  • gabriella zafferoni sala il 13/02/2009 10:30
    molto elegante, soprattutto la chiusura
    un tuffo, un respiro aromatico, un sogno ancestrale, una rievocazione mitica.. sono le impressioni che esali
  • Donato Delfin8 il 05/02/2009 19:28
    Che bella dedica! Stai parlando della bellissima Puglia nello specifico Taranto o sbaglio? Benvenuto tra noi!
    grazie a presto e a rileggerci

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0