username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Padre mio

Ingiusta la vita è stata
anche con te come per tanti
che solcano questa terra
senza miti premi o gloria,
ma ancor meno i più
senza acqua e pane.
Negata anche la mano sul cuore
a nutrire l'anima
negati
anche i cieli azzurri.
Un pensiero ancora una volta
è per te
padre mio che sei stato,
l'istante d'un ricordo
va alla tua mano
che uno schiaffo voleva dare
l'amore grande
l'ha poi rallentato
verso me figlia e la tua vita,
che lezione
è stata ora a ripensare
che uomo semplice e forte.
Le rabbie tue nascoste non trattenevi,
ma poi ancora amore
per la vita continuavi a dare,
quanti sacrifici spargevi intorno.
Poi un giorno li ho colti
tutti insieme avvolti
legati in un bel fagotto
che dietro ora mi porto.
Un silenzioso grido di dolore
timida stretta d'ultimo saluto
sulla mia mano
chiusi quegli occhi tuoi
che solo puliti e sinceri erano,
come il tempo passato qui
in questo fitto mondo
che di regali non te ne ha
mai dati.
Quanta rabbia
pianto masticato
nella mia bocca ho trattenuto,
trasformato poi
in un amore eterno,
quello si penso
ti sia stato poi donato.
Solo così trova pace
il mio bisogno
di giustizia
per quelli che come te
padre mio
nessun ha mai ascoltato.
Questo è il mio sentirti
questo è il testamento che mi hai lasciato:
rispetto per la vita
credere
nell'amore soltanto.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Giuseppina Liguori il 24/04/2007 22:53
    Poesia stupenda e scritta sicuramente da una persona di buoni sentimenti. Tuo padre anche se non ha potuto leggere queste parole, sarà orgoglioso di te, ti guarda da lissù, é vicino a te. Complimenti, belle parole. Ti ho votato con un dieci. A rileggerci
  • Santina Luzzi il 29/03/2007 15:45
    Ho colto il tuo invito e ne è valsa la pena! Ben articolata, trasmette appieno emozioni e sentimenti di gratitudine eterna. Ciao
  • augusto villa il 20/02/2007 22:30
    Senza parole... Profonda, commovente, mi è piaciuta molto... e per di più mi fa rivivere momenti..."intensi".
    Con sano affetto. Augusto.
  • Monia Cacciero il 14/03/2006 19:06
    Cara Miriam la tua poesia lascia veramente il segno nel cuore... come quello che ti ha lasciato il tuo papà. Grazie mille per i tuoi complimenti. Non mancherò di fare gli auguri al mio papi da parte tua. Un abbraccio. Monia
  • Franca Maria Bagnoli il 14/03/2006 10:11
    Cara Miryam. tieni acceso il tuo lumino. Ti fa e ti farà una grande luce. Ti abbraccio. Franca.
  • miryam maniero il 14/03/2006 10:08
    sì franca... la sua vita di solo e troppo lavoro, poi una lunga malattia... e mi ha lasciato questo bel testamento... è rimasto il lumino mio di vita... un abbraccio, miryam
  • Franca Maria Bagnoli il 13/03/2006 21:04
    Miryam, ma hai avuto un papà meraviglioso. E che bel fagotto ti ha lasciato! Ciao. Franca.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0