PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'amico segreto

Io... fortunato sono... e sono stato,
in questa vita mia che ormai s’appresta,
a scendere veloce la collina,
che segna la gran parte ch’è passata.
D’amor... non mi dispiaccio... io so che ho avuto,
la dose che a taluni gli è mancata;
e se bilancio son tenuto a fare...
sarei bugiardo e assurdo a lamentare.
Se di salute poi faccio ritratto,
m’accorgo che anche qui non stò malaccio...;
è situazione che sta nella norma
del numero maggiore... di chi sta bene.
E se tocchiam denaro...?;che si puo’ dire?
che pochi sempre sono, e non è fola.
È un tasto che non fa nessun contenti,
ma dei scontenti miei... lasciamo stare!.
-------------------------------------------
E allora giovanò...? cosa ti manca?
s’a cori tristi passi tutti i juarni?.
Nun dici nuddra... nun ti lamienti mai...;
m’ hai l’uocchiu zitti... e tantu vuonnu dì !.
Chissa è certamente nà faccenna
c’ave a cche fa cu core... ni sò sicuru...!;
si tu mi dici calche cosa e parri...
nun ti prumiettu nuddra... ma si ti possu aiutà...? t’aiutu...!.
Forse sarà lu casu ca mi mittu pinsieru:
a cosa..., accà..., si sta faciennu seria;
staiu diventannu pazzu!!!... iu...! staiu parrannu cu specchiu;
e a cosa cchiu grave... e chiddru... marrispunne!.
Stamma a sint', guagliù...? nun fa lu fessu!
sò sempr’iu... u specchiu... ca ti parra;
nun t’ha preoccupà... tu...? tu nun si pazzu!
e na cosa... c’ogni tantu succede..., e mò e successa a te.
Ti po parì curiusu... ma chissi ccà,
so sintomi precisi... e nun se po sbaglià!!;
succede tutte e vote ca lu core
se piglia na sbandata pa na femmina.
Ma cchi me stai addì... specchiu cretinu;
cchi cosa ni oi sapì tu... di na sbandata.
Stavota a me pare seria... e seria assai:
so tutte e notte e i juarnu a la pensà!
Guagliù...? nun t’asfissia! è na cosa passeggera... da retta a me.
U primu tiempu sai... faci accussi;
ma chianu chianu passa, e mancu tinn’accuargi:
e sulu nu mumentu... ma poi ta scuardi.
Magari fuossi accussì... signu sicuru ca tu ti sbagli.
E mò... famme nu piaciri... specchiu cretinu... statte zittu,
fatte l’affare tuie e lassame stà...;
ma a te...? ca ti l’ha ditta ca ma vogliu scurdà?.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • augusto villa il 04/12/2011 23:11
    Bellissima!... sisì!!! ----
  • Anonimo il 30/05/2011 11:35
    Particolarmente bella
  • Donato Delfin8 il 07/02/2009 11:22
    Bellissima! e molto particolare!
    grassssie a presto e a rileggerci
  • Cinzia Gargiulo il 06/02/2009 21:59
    Veramente originale questa tua Marcello. Bravo!
    Un bacio...
  • Anonimo il 06/02/2009 12:29
    principe di Gallura.. questo e' uno specchio speciale.. pensa tu che combina
    bella.. particolare..
    ciao Aurora

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0