PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Medico della lega-lista

Come posso fidarmi
Come posso sapere

Io
Clandestino

emigrato della vita
in un triste declinante destino

che tu non sia un medico della lega

un medico legale

legalista
azionista

mi legherai le mani
ancor di più

andrò in prigione
all’inferno

povero e malato

trascinando tutti voi

in un famigerato atto

nel giuramento
del Fato

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anna G. Mormina il 06/02/2009 22:49
    ... mi legherai le mani, ancor di più... "

    Clandestino, vorrei aiutarti sai?... ma non so come...
    ... un abbraccio!
  • Antonietta Di Costanzo il 06/02/2009 13:46
    Tocchi un argomento molto delicato, e lo fai molto bene, con delle bellissime rime, io sono del parere, che il problema va risolto alla radice, troppo facile denunciare, mi chiedo chi permette la clandestinita, cosa fa di bello in questo momento? e sopratutto dov'è? ecco la legge dovrebbe occuparsi sopratutto di loro, invece di colpire i più debboli!
  • naida santacruz il 06/02/2009 13:09
    Ma nella vita si sa che non può essere tutto semplice. Nella realtà si sa che non tutto va sempre bene
  • Annamaria Ribuk il 06/02/2009 11:58
    ... purtroppo chi ha bisogno è in qualche modo clandestino... ed emigrato... fose perchè è impotente e si deve fidare ... e affidare il suo corpo... quello che non deve mai smettere è di "credere"...
    ... Ann

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0