PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La maschera di Arlecchino

Arlecchino e Colombina
son felici e domattina
dopo tanto spasimare
si potranno alfin sposare.
Ma la sera il promesso,
senza chiedere il permesso,
coi due soldi che ha in saccoccia,
con gli amici fa bisboccia.
Tutto spende in poche ore,
del denaro non ha amore.
Sol la maschera gli resta
per potere fare festa.
Così, ahimé, lui se la vende,
mentre il sole già risplende.
La sposina è lì che aspetta,
oramai non ha più fretta.
Ecco, arriva lui bel bello :
il vestito è proprio quello,
ma quel viso e quello sguardo
del suo amor non ha il ricordo.
"Caro mio, tu m'inganni,
io non voglio questi panni!
O mia bella mascherina
torna ad esser come prima!
Sol così mi sposerò,
se Arlecchin ritroverò."

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • rainalda torresini il 15/04/2012 18:41
    cara Deborah Grazie del consiglio. Cerco di modificare
  • Deborah Cavazzini il 15/04/2012 17:48
    Molto carina, eh he! Gli uomini son tutti uguali... solo un appunto: il verso: Tu m'inganni è un po' corto e interrompe il ritmo della filastrocca. Ciao!!!
  • Desio Sicario il 18/11/2010 12:33
    Davvero bella! COMPLIMENTI!!
  • rexia argento il 14/07/2009 13:03
    tenera allegra, brava
  • Anonimo il 21/03/2009 15:51
    Carina questa filastrocca. Sarebbe bello se la continuassi... diventerebbe quasi una fiaba in versi (stavolta la morale la vedo ).
  • rainalda torresini il 18/03/2009 22:55
    Finalmente qualcuno si è accorto di questa storia che ha, come tu dici, un doppio utente: bambino e adulto e nasce per una rappresentazione teatrale (come ho già detto). Grazie per il tuo profondo commento, Rainalda
  • Nicola Saracino il 18/03/2009 20:08
    Mi imbatto per caso in questo gustoso bijou iper-letto e non commentato. Quando abbiamo dilapidato quasi tutto, ci resta un nome, un viso. Perdere anche quello significa perdere quasi tutte le conoscenze, le amicizie, le parentele, gli interessi. Solo per pochi, quelli che ci conoscono davvero, continueremo ad essere. Ma Arlecchino è una maschera e perciò si identifica con l'essere; per lui perdere la maschera significa perdere l'amore, perdere tutto. Bellissima filastrocca, per lettori senza età. Grazie. Nicola
  • rainalda torresini il 19/02/2009 22:58
    o almeno di votare
  • rainalda torresini il 19/02/2009 16:54
    chiedo ai lettori, attualmente 456 di dare un giudizio sul testo, grazie.
  • rainalda torresini il 13/02/2009 19:20
    Ti ringrazio del commento. Dopo 220 letture sei la prima a commentare. Questa filastrocca è stata sviluppata lo scorso anno come sceneggiatura teatrale per bambini.
  • Simone Sansotta il 13/02/2009 18:13
    Molto bella, filastrocca non nel senso dispregiativo del termine...