accedi   |   crea nuovo account

Occhi che mi parlano

Occhi che mi parlano,
silenziosi ma pieni
di dolci parole d'amore.
Sguardo lucente
come coda di stella cometa,
segni la mia strada
con una scia di luce
color dell'acqua che sgorga
da rocce incantate;
fulmini malizioso il mio cuore,
mi stringi un cappio
intorno all'anima,
prigioniera ormai,
schiava ormai
del tuo mistero.
Occhi che mi parlano,
sussurrano melodie di baci,
scatenando tempeste
di brividi sul mio corpo,
onde spumose
su un mare di desiderio
infinito.
occhi che mi parlano,
scandiscono il tempo
al mio cuore,
che batte all'unisono
con le tue ciglia,
scandiscono i miei respiri,
e i miei sospiri,
guardando gli occhi miei,
e scavano un solco profondo
sulla mia pelle seminando
germogli di felicità.
Mi sento re del mondo e naufrago
al largo di un oceano sconfinato.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Rosarita De Martino il 19/04/2013 19:31
    Ma che splendore questa tua poesia! Anch'io riesco a captare l'intensità di uno sguardo amico che sa trascinarmi verso mete di eternità. Con viva simpatia. Rosarita
  • Mario Petta il 27/03/2009 15:52
    grazie Susanna, fa sempre piacere ricevere un commento positivo; in effetti quando pensato a questa poesia, mi sentivo come in una specie di sogno incantato
  • Susanna Contadin il 27/03/2009 15:30
    Ciao, complimenti è molto bella! Sembra tutto un sogno destinato a non finire, in particolare mi è piaciuta l'immagine di quella "scia di luce color dell'acqua che sgorga da rocce incantate"... sono parole meravigliose!! S.
  • Donato Delfin8 il 10/02/2009 16:18
    Assolutamente Mario non mi hai offeso, per così poco
    Adoro poter discutere e anche incavolarsi perche' no ma l'importante è chiarirsi e non lasciare degli inutili rancori.
    Nè ti volevo offendere con il mio commento alla tua opera. e se ciò è accaduto me ne dispiaccio.
    Volevo solo farti presente che ho cercato di commentare tutte le opere in concorso cercando non solo di non essere di parte ma cercare anche negli altri scritti dell'autore un aiuto per capirne la forma espressiva e ciò che in quella poesia stava trasmettendo, oltre a ciò che mi trasmetteva.
    Prima di commentare negativamente (se negativo si puo' intendere un parere soggettivo e non assoluto) ho sempre cercato altre opere dell'autore.
    Spero che ci rileggeremo e ci scambieremo critiche costruttive e non. Siamo qui per condividere le nostre emozioni (anche se millenarie ) ma personalmente non cerco di forzare qualche mia immagine per sembrare diverso.
    Se sento una carezza non e' importante il nome che gli do' .. sarà sempre una carezza e ciò che mi trasmette è chiaro a tutti senza troppi giochi di parole.
    posterò a breve qualcosa di molto ermetico scritto in gioventu' (ahime') e sarò molto curioso e felice di avere un tuo commento.
    grazie e a presto
    ps: quando mi conoscerai 1 po' meglio saprai ke adoro l'ironia (sperando di non essere stupido! e arrogante)
  • ANNA MARIA CONSOLO il 10/02/2009 16:11
    .. Ormai i miei figli sono grandi... mi scusavo nel far la mamma con te e comunque... tornando al tuo se... secondo me non si è capito bene in quella poesia... forse era un momento "incasinato"... capita.. perchè al di là di tutto... sei bravo
  • Mario Petta il 10/02/2009 16:01
    donato, accetto la tua velata ironia (non tanto velata), ma quando dicevo che la tua poesia era un po banale non volevo offenderti, nè tantomeno volevo sottintendere che le mie poesie non sono banali a volte. Ognuno di noi ha dei momenti di maggiore ispirazione e altri in cui l'ispirazione è minore, e comunque scusami se ti ho offeso con le mie parole, ti ripeto che non era assolutamente mia intenzione...
  • Mario Petta il 10/02/2009 15:58
    Forse sono stato frainteso, io accetto volentieri le critiche, più dei complimenti, perchè i complimenti non arricchiscono se non nel proprio ego, invece dalle critiche si può sempre trarre buoni consigli e insegnamenti per il futuro. Comunque il mio "se" dovrebbe esprimere il dubbio su una relazione difficile, su un amore difficile e contrastato, in cui la vita (felicità e la morte (dolore tristezza e delusione d'amore) combattono all'interno della relazione stessa...
    Grazie comunque per il commento e auguri per il tuo ruolo di mamma
  • ANNA MARIA CONSOLO il 10/02/2009 15:13
    Questa mi piace proprio e... non ho dato un giudizio negativo alla tua poesia nel concorso... ho solo detto che non ho capito il senso del "Se". Questa mi pare chiara e scorrevole.. molto piacevole... dovresti prendere le critiche come suggerimenti buoni per crescere... scusami ora faccio la mamma... un abbraccio, Anna
  • Donato Delfin8 il 10/02/2009 14:49
    Complimenti.. non c'e' nessuna banalita' ..
    non ci sono sospiri... ne' sogni nè sguardi infatti gli occhi parlano...
    nè mano nella mano..
    complimenti!
  • Mario Petta il 08/02/2009 15:57
    Grazie, sei gentilissima. Come si dice, in amore non bisogna mai dare niente per scontato, e io questa cosa l'ho presa alla lettera, anche quando scrivo poesie d'amore
  • Kiara Luna il 08/02/2009 15:46
    Questa è una perfetta dedica d'amore!
    Bella e per niente scontata.. bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0