PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dea occulta

Fantasma d'illusioni
Spettro di speranza
Ologramma d'astrazione
Irrealistica visione
Psichedelica percezione
Velato splendore
Distorta immagine
nello specchio del tempo
Fantasia ineclissabile
Firmamento astrale
Criptico volto
Enigmatica entità
Misteriosa essenza
Sbiadita figura
Idilliaco sogno
Mistica alchimia
d'esoterica anima
in metafisico corpo
Intangibile trascendenza
in irrazionali sembianze
d'estatica creatura
Ancestrale grembo fecondo
di folle bramosia
Arcaico santuario
d'un voluttuoso desio
Dionisiaca apparizione
d'un platonico amore
Viscerale stupore
Sublime pulsione
Fascinosa eresia del cuore
Brezza inebriante
Difforme, ermetica
forma vivente
Fulgente musa
Effimero sentore
Divina ancella
Niveo candore
Utopica chimera
amena virtuale sinuosità
Immacolata formosità
Profana sacralità
Profilo onirico
Incantevole miraggio
Allucinatoria sagoma
Virginea beltà
Vivida voluttà
Eccelsa melodia
Fervida felina
Pregevole linfa
Fulgore vitale

12

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Fabio Mancini il 07/04/2009 00:22
    Talvolta ci si dimentica che la scrittura non è solo la liberazione dell'inconscio, lo svelamento dei sogni più reconditi, o sfogo dell'animo. La scrittura non è solo e tutto questo. L'inconscio deve essere illuminato dalla ragione, altrimenti diventa caos. I sogni devono essere ben descritti, altrimenti si trasformano in paesaggi lunari densi di bruma. In sostanza la scrittura non è uno strumento per psicanalizzarsi, ma è uno strumento per comunicare. I tuoi versi ad esempio, sono sfilacciati. Non sono consequenziali, non hanno trama. Sono tanti singoli versi assemblati, senza né capo, né corpo, né coda. Forse prima di scrivere qualcosa, si dovrebbe avere nella testa un'idea e poi realizzarla in versi. Ma se nella testa non c'è l'idea, tanto vale non scrivere. Perdona la mia franchezza! Fabio.
  • Riccardo Brumana il 06/04/2009 01:01
    un turbinio di sinonimi, come volessi trovare la chiave d'accesso per arrivare a scovare colei che diventerà la tua Dea Padrona, e tu il suo schiavo d'amore...

    ti consiglierei di fare attenzione a ciò che desideri, a volte i sogni si avverano
    e si trasformano in incubi!!!

    mi è piaciuta, bravo.
  • Free Spirit il 14/02/2009 01:14
    Si forse il tutto risulta un po' ermetico e poco comprensibile, poi ognuno ha le sue chiavi di lettura. E'una sorta di descrizione fantasiosa e visionaria della Venere dei miei desideri, frutto dei miei sognanti viaggi mentali. Questa "Dea occulta", bellezza onirica, affascinante protagonista dei miei sogni, resta ancora senza un volto, un'identità, rimane un'illusione.
    Il braciere della speranza brucia instancabilmente affinchè un giorno la mia Dea tolga i suoi veli e si presenti finalmente a me.
    Non so se ora è più comprensibile, a volte la penna s'impossessa della mia mano e non so neanche io cosa scrivo e cerco di esprimere di preciso, comunque il mio intento è sempre quello di comunicare, trasmettere qualche emozione o sensazione, qualcosa anche di me a chi legge ciò che scrivo, però non sempre ci riesco. Ciao Ivana
  • Anonimo il 11/02/2009 17:56
    ciao davive mi ha lasciato un po confusa... non sono riuscita a comprendere,,,

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0