accedi   |   crea nuovo account

Nella neve di maggio

Nella neve di maggio
c’è un miraggio di partenza
e la mente indaga vaga, scruta
nel vivere lento.

Non guardare l’immagine
che specchia nell’onda,
non fissare
le risonanze del vento
che increspano torbide acque
e ne fanno frammenti.

Al di sotto rimane in attesa
il pesce di fiume d’argento,
il re della melma
dai denti d’avorio.

E ancora non parli
non hai più risposte.

Non credi già più che al dolore
che brucia di fuoco,
che scioglie violento la neve
di un maggio all’inferno.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Sergio Fravolini il 14/08/2010 09:54
    È una buona opera in particolar modo l'ultima parte.

    Sergio
  • Argeta Brozi il 12/08/2006 13:42
    Soprattutto per l'ultima parte : bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0