username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Indifferente

Per la Tua solitudine, la mia carezza
La mia solitudine, il tuo odio
Per il tuo corpo un decoro e una bara
Per il mio, il fuoco indifferente
Camminare le strade
Occorre essere predestinati
Un lancio della moneta
Dove tu sei nato
Dove io sono nato.
Come nuvole allontanate dal vento
fioriscono prati in luoghi sacri
il mio dio, un perfetto sconosciuto
del tuo mondo.
La pioggia sai che solo un inizio
Ogni goccia la storia
Tua e la mia.
Alla Vita preziosa e ricca
di passione amore odio
Tua di prime pagine
Mia di cronache
lega in una unica fine.
Morire anche te tocca.
Sappi però Il lasciapassare
del mondo dopo il tuo
sarà nelle mie mani
per primo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anonimo il 13/02/2009 03:46
    Ciao,
    il leitmotiv della poesia è eccellente, perso però in una forma da rivedere (scusa la franchezza).
    Ho letto il tuo commento.
    Il Muro: purtroppo nella vita vi sarà sempre chi innalzerà muri per propria convenienza; ma è altrettanto vero che vi sono persone in grado di abbatterli e queste persone siamo noi (la storia insegna)!
    "Il mio Dio un perfetto sconosciuto nel tuo mondo"
    come dicevano i grandi filosofi del passato: conosci te stesso, mantieni la fiducia nel genere umano ed allora scoprirai il Regno degli Dei!
    Io continuo ad avere fiducia in tutti Voi!
    Con stima
    Contessa Lara
  • Anonimo il 12/02/2009 20:47
    Io conosco uomini, Raju, il resto è solo miseria umana.
  • Anna G. Mormina il 12/02/2009 19:51
    Aggiungo: il DIO d'Amore che conosco, è DIO DI TUTTI!
  • Anna G. Mormina il 12/02/2009 19:09
    "... Per la Tua solitudine, la mia carezza... La mia solitudine, il tuo odio..."

    Questa tua poesia, deve far rilettere noi tutti,...
    ... in questo mondo, dovremmo tutti essere uguali, purtroppo solo tante a parole e niente fatti...
    ... Raju, ti ringrazio per averla scritta!
  • Raju Kp il 12/02/2009 18:02
    Non ho scritto questa poesia per l'incidente razziale ma ascoltando una frase detta da Fazio sul programma che tempo fa..' dove sono nato io' ... ho iniziato pensare al muro che sta alzando, sempre alto, tra quelli che odiano e altri arrivati in cerca di una accoglienza ( anche minima). solo perche' uno e' nato per il suo destino in un paese povero è condannato in questo mondo per sempre.
  • Vincenzo Capitanucci il 12/02/2009 16:22
    Perchè stanno troppo male dentro di loro... sono vuoti... sono morti e devono uccidere... per pareggiare i conti interno-esterno... e l'angelo incapace di creare... distrugge...
  • Rodica Vasiliu il 12/02/2009 16:10
    A tutti tocca morire.. Ma perché tanta rabbia verso sconosciuti?? Non c'è più tolleranza, non c'è più amore anche se tutti siamo uguali davanti alla morte, come davanti alla vita.. Un abbraccio, R!
  • Raju Kp il 12/02/2009 08:38
    ciao vincenzo scusate i errori... rajuananda
  • Raju Kp il 12/02/2009 08:37
    Grazie Aurora e Vicenzo., Vero tutto quello che avete scritto. Io amiro tanto tutto la richezza che ce attorno noi, non generalizzare importante. Però da tempo vedo che quella morale che non ce in politica, piano piano quel cancro di trasformismo e indifferenza di pocchi sta scedendo attorno noi, Tutto passa senza che esca un grido. Quel ombra di pocchi ormai sembra che sia di tutti noi., Facciamo luce. sorriso anche voi Grazie ancora Ciao Raju
  • Anonimo il 12/02/2009 08:17
    la Poesia e' molto bella... Concordo con Vincenzo.. aggiungendo che in Italia quel clima c' e gia da un po ditempo... e che dovremo forse fermarci e riflettere un po
    di più perche la classe politica che ci rappresenta e' quella che noi abbiamo espresso
    con il nostro voto.. che forse l unico strumento di esercizio della democrazia che ci e' rimasto... Usiamolo per gridare con forza.. per ricominciare ad indignarci.. per essere protagonisti della nostra vita .. per una societa' migliore..
    Le battaglie vanno fatte... non si puo subire passivamente..
    Un soriso a te..
  • Vincenzo Capitanucci il 12/02/2009 04:13
    Stupenda Rajuananda... penso che denunci il fatto di que tre ragazzetti criminali... che hanno bruciato una persona di nazionalità Indiana... così per gioco... per noia.. per vuoto... per Odio...
    Si sta installando un brutto clima in Italia... anche a causa di politici ignoranti... che in un certo qual modo promuovono... queste azioni... meschine e orribili... sembra in molte zone... ricominciare la caccia allo straniero... a parte i piccoli regolamenti nostrani... mafiosi... delle nostre zone...
    Un vero Kaliyuga... un'epoca sempre più nera... si sta installando... dentro e fuori di noi... le sacre scritture orientali ed occidentali su questo non sbagliano... e la via che purtroppo sembra che dobbiamo attraversare per ritornare ad un'epoca d'oro... o paradiso...
    Non c'è da preoccuparsi... se questa è la via predestinata... ma tutto questo dolore che una parte dell'umanità subisce... fa bollire il sangue... in una rabbia calma...
    Purtroppo per molti Dio è ancora uno sconosciuto... ed anche per chi pensa di conoscerlo... è solo un divino intuito...
    sai le nostre chiese... hanno fatto stragi a non finire... ed ancora oggi... non brillano in luce...
    Troviamo in noi... questo lasciapassare... un lasciapassare di luce... un passaporto per oltrepassare le tenebre...
    Un abbraccio occidentale Raju... ed un Namaste orientale... e che il tempo delle carezze ritorni... accarezzando di nuovo la pace dell'essere... nel nostro comune fatidico destino..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0