PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

giorno normale

Gente dopo gente
Intenta a contarsi i passi
Aghi di pino e abeti frustati dal vento
Il mare alla collina si avanza in odore
A profumar di sale e seppie morte
I cappotti buoni delle vecchie barcollanti.
Non c’è stato sangue
Né rumore né tempo per la pena
Solo un rapido gorgoglio stupito
Nemmeno l’occasione per
Provar le scarpe nuove
Tutto così rapido che nemmeno
Il sole ha fatto in tempo a sorgere
Né la notte a scappare
Me ne sono andato
Così come sono nato
Solo ed imprecante
Peccatore convinto e orgoglioso
Il cancello grigio si apre cigolado
Controvoglia come me
Che controvoglia cigolando son sparito
Il prete mi bagna il legno
La vedova mi piange
Mia figlia è troppo furba per farlo
Madre è così strano pensare
Di essere stato per te
Morto da vivo ed il contrario
Ed il padre di questa salma
Dignitosamente s’affanna a cercar
Le condoglianze
Avrei voluto abitare più vicino al cimitero
Per accorciare il viaggio.
Suonano a lutto le Marie
Per il figlio che mai hanno avuto
È confortante sapere
Da parole asperse d’incenso
D’essere come tutti i morti
Stato un cristiano.
E dopo il requiem e l’ave maria
Corre alla vedova la tonaca
A tender la caritatevole mano
Perché a lui rimanga d’oro i sorriso di quel giorno
Mia figlia mi guarda
E sorride alla mia bara
Mia figlia mi conosce
E sa che tra a vita ed il femore
Stiam giocando lo stesso gioco.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 23/10/2009 17:46
    bella poesia
  • Vincenzo Scognamiglio il 18/05/2009 18:14
    Complimenti, intensa e rapida
  • giorgio rossi il 13/02/2009 08:18
    Lo so che io per un depresso sono come le vacanze al lago : il preambolo del suicidio... non riesco a scrivere di cose allegre... la felicità va vissuta, è talmente breve che non c'è tempo di fermarsi a scriverla, la tristezza ed il dolore invece vanno imprigionati in versi
  • Anonimo il 13/02/2009 05:06
    Molto bella ed intensa!
    Un po' dark... se ne consiglia la lettura a chi non soffre di depressione.
    Scusa l'ironia
    Complimenti
    Contessa Lara
  • giorgio rossi il 12/02/2009 19:25
    oddio... per fortuna non ci si vede via web... sono tutto rosso.. non avrei mai pensato che le mie " poesie " suscitassero emozioni.. grazie
  • Carina Defilipe il 12/02/2009 19:07
    Da brivido!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0