username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

le vene nude

A volte quando la nebbia misericordiosa
Imbriglia i suoni e i colori di questa
Parvenza di umanità
Posso concedermi di sognare di essere ancora
Sul suolo della mia città
Reinvesto le forme e i colori ghiacciati
Le parole e le grida di chi ancora ricordo
Ma sono altre vie ed altri palazzi
Camminare su vene nude con scarpe di sale
Ogni passo il dolore
Ogni passo il terrore
Cammino e piango
Cammino e bestemmio
Cammino e cammino
Cercando riposo.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Uglisse il 22/03/2011 00:13
    La vita è così, a volte si corre, a volte si cammina e a volte si striscia.
  • Valentina B. il 11/01/2010 21:26
    È ben scritta, e con un significato triste e profondo. bravo...
  • le fabbriche dismesse il 12/02/2009 19:16
    Hai uno stile che mi piace!
  • Carina Defilipe il 12/02/2009 19:04
    E incredibilmente triste, mi giunge come un urlo disperato...
    Amo le cose che toccano il cuore... Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0