username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Le mie gocce di vita

Ho avvistato un condor
intento a planare sopra stagni affollati di parole clonate,
senza l'aura splendente di un cigno,
e gli ho gridato di continuar sereno il suo volo,
seguendo la coraggiosa rotta del cuore.

Ho scorto un latteo gelsomino
ad ammirare triste il viola di un iris sfrontato e chiassoso,
e gli ho suggerito di ignorare i miraggi del nulla,
e d'esser vivo nel suo intenso, raro, profumo.

Ho intravisto una farfalla solitaria
tentennare in volo, alla ricerca del suo Fiore dolce e gentile,
e le ho spiegato che, in amore, quando l'alba cessa di baciarti,
il tramonto ti trattiene con sè, per non lasciarti annegare nella notte.

Ho visto un bimbo scalare una quercia,
per cercar di toccare il Sole,
e l'ho implorato di aspettarmi la sera
per salir con lui sul monte più alto, e sfiorar sorridenti la Luna...

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 18/02/2009 08:17
    Bellissima poesia, con dei significati forti. Brava.
  • Vincenzo Capitanucci il 13/02/2009 21:03
    Bravissima...
  • cesare righi il 13/02/2009 20:29
    dolce e eterna, bellissima
  • Anonimo il 13/02/2009 19:42
    splendida.
  • Kiara Luna il 13/02/2009 19:03
    Quanta tenerezza M. Cristina... davvero molto bella.
  • Donato Delfin8 il 13/02/2009 18:55
    Molto bella. Speranza, inno alla vita. grazie a presto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0