accedi   |   crea nuovo account

notte insonne

Un’oblio costante generato dall’assenza di luce respirava nell’aria di questa stanza, ma ora il candelabro domina,
risplende,
vive eretto e stabile mostrando le sue meraviglie rese in sacrificio al bagliore di quelle piccole fiamme che cavalcano la cera in esaurimento.
Fiamma e cera,
Cera e fiamma,
una dualità rappresentativa, l’una vive sull’avviarsi alla disgregazione dell’altra e l’altra vive portando a termine la propria essenza per garantire la luce.
Entrambe servono inconsapevolmente non il principio chiaro ma l’unico elemento che maestoso si mostra nella visibilità presente.
Solo il tempo mi svelerà se una corruzione forse inevitabile distruggerà la collaborazione offerta calando ulteriormente l’assenza di luce o se l’ardore delle fiamme resisterà fino all’alba.
Ma se anche tornassi ad essere un’ombra nel buio, un nuovo giorno risorgerà mostrandomi il vero volto di questa stanza e forse, solo allora, capirò il perché di questa notte.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 02/06/2011 11:24
    Prosastica
  • Mo G il 25/04/2011 09:54
    Mi sembra più prosa che poesia (va bene il verso libero ma 29 sillabe o le leggi poeticamente in modo pesantissimo, o le leggi più scorrevolmente ma come prosa); dovresti limarla un po', restringerla, racchiudere queste belle immagini in poche significative parole.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0