accedi   |   crea nuovo account

Cosa posso essere se non un nulla di tutto questo

Non posso essere un Italiano
non sono nato per essere un nazionalista
sui confini delle nazioni
iniziano fra fili spinati conflitti e guai
intrappolando l’ucciso infinito spazio

Aberrante per me

Comunista non posso più essere
da quando i carri armati sono entrati a Praga
da quando Pol pot Kmer rosso è andato a scuola da Sartre
alla Sorbonne in sorbole di zappe

da quando l’interesse comune taglia la testa
all’individuale
dove una ideologia è più importante di una vita
privandolo della sua libertà di essere il padrone di se stesso

Assurdo per me

Capitalismo è l’egoismo più sfrenato
unico sistema economico funzionante
per una umanità egoista
dove un uomo per riempire il suo portafoglio
affama metà della popolazione mondiale

Schifoso per me

Fascista non lo sono mai stato
non si possono inculcare idee di ordine
con colpi di manganellate
l’uomo è un fiore non un bistecca di carne
ne una marmellata da mettere sotto vuoto
per conservarla a più lungo

Inconcepibile

Alla democrazia non credo più
perchè non sempre la maggioranza ha ragione
anzi a volte a torto marcio trascinando tutti nelle gogne vaticane

Disgustoso

Non posso essere religioso
essere legato da un credo
in opposizione ad un altro che è vero quanto il mio

Bah non ho più parole mi sono stufato di me

Non posso essere filosofo

12

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anna G. Mormina il 18/02/2009 11:45
    Tu non sei un 'NULLA'... sei un 'IMMENSO'...
    ... e questo tuo scritto, una vera opera di saggezza! :o*
  • Marcelllo Barbuscio il 17/02/2009 20:29
    In questo momento vorrei poter esserti a vicinanza di mano, per potertela stringere col più alto grado di riconoscenza per questa poesia dove ogni essere umano che voglia appartenere a questa cateroria dovrebbe rispecchiarsi. Grazie, Marcello
  • Anonimo il 17/02/2009 18:16
    .. il maestro qui e' grande.. '' l'uomo al centro dell universo.. in liberta' di essere,
    nel più alto senso del termine.. per plasmare una forma evoluta di societa... in libera luce...
    un sorriso Aurora
  • Anonimo il 17/02/2009 14:03
    Non desidero essere schiavo degli ideali dell'uomo, che creano muri fra gli stessi. Essi sono tutti destinati a fallire, sono le nuovi torri di babele, innalzate per il suo orgoglio, creano divisioni e odi. Bellissima Vincenzo, questo è un capolavoro.
  • Anonimo il 17/02/2009 13:01
    Vincenzo, sono sbalordita!
    È magnifica: un vero e proprio "Manifesto" dell'essere moderno, dell'uomo confuso (non per volontà propria), confuso e deluso ma che non vuole e non deve perdere la speranza!
    Con tanta stima
    Contessa Lara
  • Nicola Saracino il 17/02/2009 12:09
    Essere non è essere qualcosa. E tu sei.
  • Dolce Sorriso il 17/02/2009 09:51
    c'è molto da riflettere in questa poesia,
    grande come sempre
    sei okkkkkkkk
    un abbraccio
    Anna
  • Donato Delfin8 il 17/02/2009 07:47
    Saggio grazie Vincè a presto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0