accedi   |   crea nuovo account

Con la rabbia negli occhi

Sono rapidi i miei occhi
quando c’è da distinguere qualcosa
e la luce non delimita i contorni.
Temibile è quella trama,
dove il potere dei pensieri,
annaspa nel silenzio del sonno.
Presto tornerò a visitare i luoghi incantati
nei quali, da paure inconsce,
nacquero valli e laghi dal gelido fascino.
Chi vorrà annegare dentro quelle acque,
i miei occhi per primi, lo vedrebbero.
Chi vorrà costruirsi un sarcofago,
per passare il resto della vita,
le mie mani lo disseppelliranno.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 04/05/2011 15:55
    Gran bella lirica
  • Anonimo il 18/02/2009 16:08
    Grandissimo Fabio... mi sono persa nel leggere annegando in quelle acque!!! Bravò
  • M. Cristina Tacchini il 18/02/2009 15:34
    Bella e combattiva. Bravo, Fabio! Ciao!
  • Anonimo il 18/02/2009 13:21
    Ciao,
    la poesia è molto bella. Versi scritti da un animo buono e generoso.
    Grazie
    Contessa Lara
  • Camillo Cantagallo il 18/02/2009 09:55
    Bellissima, triste ma al tempo stesso piena di speranza.
  • Vincenzo Capitanucci il 18/02/2009 09:52
    Bellissima... Fabio... occhi di forza... raggianti d'Amore...
  • cesare righi il 18/02/2009 09:39
    bella, la sento.
  • Anonimo il 18/02/2009 09:19
    Bellissima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0