PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Anoressia d'amore

Svuotati stomaco:
libera
il falso profeta
che hai catturato
per occupare
la vuota sedia
dell’ospite non giunto.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • elio roberto rinaldi il 12/09/2009 23:42
    ok
  • Fiscanto. il 20/08/2009 00:32
    Molto forte e ben fatta.
  • Nicola Saracino il 01/03/2009 01:25
    Torno su questa poesia. Un falso profeta viene "catturato" e lo stomaco viene invitato a "liberare" il catturato... È proprio bello questo intreccio che lascia beatamente fuori l'ospite non giunto, fuori dai rumori di questa lavanda gastrica... Non una parola è di troppo, non una parola manca. L'ospite è invitato ancora, con gentile fermezza. N
    (Se ci aggiungi una decina di versi, magari si presenta Riccardo Torretto... ma è lui l'ospite?)
  • Dorian Di il 26/02/2009 20:12
    Scusa Riccardo Torretto ma secondo te una poesia, per essere valida, quanti versi dovrebbe avere?!
    Non sarai di certo un fan di Ungaretti...
  • Riccardo Brumana il 25/02/2009 23:41
    poesia molto sentita, ma un po' breve.
  • augusto villa il 24/02/2009 00:26
    Scusa, mi correggo: non triste... Amara direi...
  • augusto villa il 24/02/2009 00:25
    Una presa di coscienza... Triste, ma la determinazione la sostiene...
    Molto bella... Bravissima Marta!
  • Anonimo il 20/02/2009 10:12
    Grandissima nella sua semplice espressione... un gioco infinito d'amore... bella!
  • Nicola Saracino il 19/02/2009 23:40
    È comica, carnascialesca, liberatoria. N-esima portata di una cena di Trimalcione con le dita in gola. Acidità di vomito. Del piatto giusto si è persa memoria. Il falso profeta è un frutto di serra, maturato durante il volo in aereo.
    Marta, sei brava... fidati. Nicola
  • Anonimo il 19/02/2009 10:32
    Poche righe, complesse nella loro semplice linearità.
    Ma arrivano, come un treno in corsa.
  • Anonimo il 19/02/2009 08:47
    È meravigliosa!
    Complimenti
    Contessa Lara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0