accedi   |   crea nuovo account

Manifestando il divino in un dialogo di vita

Non ti prego più oh Signore
come facevo una volta

se no Tu mi diresti

“Sciocco
scialbo

non vedi Sono qui
Io
Il tuo sale di Vita”

Ne io posso parlarti
se non penserebbero
che parlando da solo a solo “Sono” diventato matto

“Quello lo sei sempre stato
ti assicuro

da quando ho rovesciato sulle vostre anime in tela
un barattolo dal color luce ”

Ogni gesto
Ogni parola
Quotidiana

abituale

è diventata
sull’altare della Realtà

una dialogo d’armonica unione

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 07/07/2009 14:21
    Giustissimo pregare nel Segreto, perfino Nostro Signore Gesù Cristo lo raccomandava, per evitare di essere giudicati. la seconda parte della poesia è fantastica, non trovo altre parole.
  • Anna G. Mormina il 20/02/2009 20:26
    ... si, il nostro dialogare col Signore, dovrebbe essere gioioso e spontaneo...
    ... un "barattolo di luce"
    :o*
  • Fabio Mancini il 19/02/2009 22:44
    Parcolarmente critico verso te stesso... Ma il Signore aspetta e... perdona! Ciao, Vincenzo! Fabio.
  • cesare righi il 19/02/2009 17:43
    poesia e musica... armoniosa come il creato
  • M. Cristina Tacchini il 19/02/2009 15:14
    Mi piace tantissimo il barattolo color luce rovesciato sulle anime in tela. Molto spontaneo questo tuo modo di dialogare con Dio. Bravissimo, Vincenzo! Ciao!
  • Rodica Vasiliu il 19/02/2009 13:37
    Saper ascoltare DIO, poter parlare con LUI... una bella sfida, per un animo semplice come il mio..
    Tu puoi, perché SPECIALE!! un bacio, R

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0