accedi   |   crea nuovo account

Creazione

se io fossi Dio
ritenterei,
non perchè sbagliai,
ma per apportare qualche piccola,
lieve modifica.

Prenderei ciò che di bello rimane:
l'alba ed il crepuscolo,
l'azzurro mare ed i bianchi ghiacciai,
l'arcobaleno e il temporale,
le dune rosse dei deserti
e le secolari querce.

Poi il vento, e la tempesta
accompagnata dalla quiete,
le morbide colline e le montagne impervie,
i laghi alpini e glaciali fiumi,
le verdi vallate le moltiplicherei.

Non serviranno tanti giorni,
riposerò un attimo
per dedicarmi ai sentimenti:
prenderei tutto l'amore
e la semplicità,
la gioia e l'umiltà
per plasmarti nuovamente
come sei
donna

Non più terra e fango
userò per il maschio
lo terrò così, come lo feci
con un unica modifica
gli toglierò le palle.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Alberto Veronese il 19/02/2009 18:20
    ... per non farli moltiplicare? tagliente, saluti.
  • Anonimo il 19/02/2009 11:19
    Azzardata ma carina.
    Un saluto
    Contessa Lara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0