PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Figli della Shoah

Sola nella disperazione della moltitudine
la mente cercava conforto
tra muri di gelo e di indifferenza
non scorrevano nemmeno le lacrime

Le urla!
le urla come fantasmi
reali ma dall’evidenza negati
erano strazio e tormento

Noi da quel seno
abbiamo succhiato il tormento
noi dentro quegli occhi
abbiamo visto l’orrore

Non vi era paura
nei nostri padri
non disperazione
nelle nostre madri

esisteva solo speranza
la sola speranza
che delle migliaia
uno solo vivesse

poter ritornare
poter raccontare
per la nostra memoria
dovevano
poter farci sognare

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • silvana capelli il 18/08/2015 21:17
    Per fortuna la speranza non muore, così alcuni vissuti e scampati a queste atrocità, possono raccontare il loro atroce dolore.
    Ricordiamoli perché non succeda mai più!
    Molto condivisa e piaciuta.
  • Giada Aliffi il 24/08/2012 12:23
    Era ora che qualcuno dedicasse una poesia a un tragico evento tanto rilevante come questo; troppe persone sono scomparse, hanno sofferto e il tutto senza una ragione, se non per la follia di un pazzo criminale. È importantissimo almeno poter ricordare...
  • Anonimo il 19/02/2009 23:44
    Troppe sofferenze sono state inflitte cosi ingiustamente ad un popolo innocente.
  • Fabio Mancini il 19/02/2009 22:47
    Solidale con le sofferenze inflitte al popolo ebreo... Umilmente, Fabio.
  • cesare righi il 19/02/2009 13:54
    grazie, Contessa... vero!
  • Kiara Luna il 19/02/2009 11:25
    La speranza è stata l'ultima scintilla a spegnersi in quegli occhi, tutt'ora increduli come io li immagino...
    Credo sia impossibile sentire ciò che loro hanno patito.. ma è possibile e doveroso farli vivere nei ricordi e nelle coscienze di ogni generazione presente e futura.
    Grazie Cesare dei bellissimi versi
    AnnaKiara
  • Anonimo il 19/02/2009 11:21
    Versi molto belli. Letta con piacere. Una piccola nota stilistica che stona al mio orecchio: "poter rifarci sognare" (giudizio molto molto personale)
    Grazie
    Contessa Lara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0