PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ricercandoti

Diaspore di battiti di ciglia irrompono nel lobo della mente
che vige il presente,
note ansimanti tempesta vi giugnono nel preambulo di festa,
oramai troppo tardo l'urlo del preavviso,
bombardamenti d'ogne parte,
in cento in mille un milione a tormentar la nostra esistenza.

Ma la trascendenza,
l'essere, il mio essere,
in quanto tale,
come riaccenderlo ed insieme a lui la forza sinoptica
delle nostre ultra-umane facoltà?
Di equilibri instabili e grevi frammenti di dispotismi voglio tralasciar,
per gaudere dell'eterna giovinezza di cui ne gode chi
dalla vita ha ricercato fragili tracce d'essenza.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • M. Vittoria De Nuccio il 10/09/2009 09:56
    ... per gaudere dell'eterna giovinezza di cui ne gode chi dalla vita ha ricercato fragili tracce d'essenza.
    Bellissimi versi... da trattenere.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0