accedi   |   crea nuovo account

Formula geniale nata da una testa di roccia in un calice di calce

Abbiamo defraudato il vitto alla vita
perdendo grande energia

coltivando gigantesche ombre
non c'è più rimasto un obolo per pagare il traghetto alla morte
se non con un luminoso metro di caciocavallo alato al quadrato

Scalcio in corner evitando un pesantissimo rigore

nel regno delle due Sicilie
centrifugamente caglio

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • giuliano paolini il 22/02/2009 10:49
    bravo sempre meno consapevoli della meraviglia che ci aspetta da qualche parte arriveremo nudi e tremolanti al solo e autentico matrimonio che ci e' concesso di celebrare.
  • Anna G. Mormina il 21/02/2009 18:23
    ... l'uomo da sempre 'spreca' le sue energie per cose futili, addirittura nocive...
    ... qualcuno riesce però, a coltivare il bene, ad essere il caglio dell'Amore!
    BELLA BELLA!... poi mi spieghi la formula, ok? ... bacioro :o*

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0