username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'ultimo clochard

Inerme giace involto in giornali e cartoni,
una coperta di fortuna avvolge le sue gambe,
l'ultimo alito di vita ormai svanito,
sulla pagina che ricopre il suo capo,
ormai spento, una rosa rossa,
dono inconsapevole del destino.

L'umana comprensione qui,
non è arrivata,
forse un giorno ad uno ad uno
sfileranno nelle nostre coscenze,
corpi vaganti senza meta, senza una goccia d'amore,
già perchè il nostro essere ostili,

ci nega la realtà nuda e cruda,
il passare oltre, il non vedere,
un segno ci resterà indelebile nell'anima,
anche se non vuoi,
il cuore ti riporterà indietro a quell'immagine,
in fondo chi ha l'anima di pietra?

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Emiliano Francesconi il 12/01/2014 19:24
    Inno meraviglioso a tutte le persone che soffrono e non hanno nulla, anche se a volte si e' clochard per propria scelta!!!!!
  • Anonimo il 02/05/2011 21:02
    Ottima
  • Polo Nord il 09/09/2009 16:21
    complimenti, davvero bella
  • Cinzia Gargiulo il 27/05/2009 10:10
    Poesia che tratta un tema scottante e che rivela ancora una volta la tua sensibilità .
    Bravissimo!
    Baci...
  • Dolce Sorriso il 06/03/2009 22:11
    molto sentita,
    mi hai fatto venire i brividi
    bravo
  • Michelangelo Cervellera il 21/02/2009 22:34
    In un paese dove si alimenta l'odio verso "i diversi", i loro proseliti hanno solo la pietra, l'anima se ce l'avevano l'hanno venduta per un paraocchi.
    Bravo nel scrivere ed a proporre questi temi che anch'io sento molto forti.
    Michelangelo
  • Vincenzo Capitanucci il 21/02/2009 15:17
    Pietra dura... pietra senza speranze... chiedo solo al Signore di non essere indifferente... canta Mercedes Sosa...

    Complimenti... Maurizio...
  • Marcello Caloro il 21/02/2009 13:11
    Mi piace molto. È un tema che sento profondamente. Ho scritto qualcosa del genere anche io. Magari la proporrò tra qualche giorno. Bravo. Saluti. Marcello.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0