PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Era bello

Se continui a lagnarti
perché lo sposasti?
Fosse stato un adone.
Non era un barone
e neanche un grissino,
anzi, alquanto bassino!
Il cipiglio si fece sorriso
e col segno da lei preferito
l’indice roteò sul suo viso
e mia madre parlò radiosa:
ma, era un lui definito
garbato, quasi perfetto;
gote di rosa, onesto sorriso,
il mento con le fossette,
alta la fronte, fine, distinto.
Era aitante col suo cappello,
un Borsalino testa di moro
col raso pregiato del marocchino.
Elegante, prudente, galante,
con la paglia o con il cappello,
attraente a vederlo, mi sublimavo;
il gentiluomo, lui era quello,
l’uomo che da sempre sognavo,
l’ideale, era dolce, era bello.
(Febbraio 2009)

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • salvo ragonesi il 17/02/2011 10:57
    chi si contenta gode... finchè può. salvo
  • Anonimo il 26/02/2009 17:50
    Dipinto così... ma che aveva da lagnarsi??
    Siamo alle solite. Incontentabili, e nate per sbuffare.
    Ciao
    MAx
  • Camillo Cantagallo il 24/02/2009 18:49
    Molto bella tra Wildw e Trilussa Complimenti!!!!
  • Anonimo il 21/02/2009 16:40
    Era bello... ma niente dura per sempre... figuriamoci la visione idilliaca che abbiamo nel momento in cui cadiamo nell'innamoramento... fugace... dura un battito di ciglia!! Bellissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0