PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nebbia

Mutevole migrare di sentimenti,
profonde radici di diffidenza,
insulsa folla ciarliera,
derisorio battito di mani,
interminabile fiume di parole spente..
fate calare le mie palpebre stanche.

Cerco la mia ruvida fune robusta
cui, vigliacca, mi possa aggrappare
per varcare le mura del mio silenzio.
Cerco la memoria delle belle emozioni,
che faccia sgorgare i ricordi lieti..
giacciono distesi come fiori appassiti.

Non tollero labbra rifatte di gesso,
sguardi malconci di inutile ipocrisia,
né scialbi sorrisi carichi d’odio.
Vorrei solo due occhi complici,
che mi donino parole gentili
e mi rubino al mondo per un istante.

Sono una libellula cieca con un’ala rotta
aggrappata ad una tenda per non morire,
indesiderata spettatrice di una realtà che non le appartiene.
Chiasso sotto di lei, gesti intrecciati in movenze inconsuete,
eppure lei resta immobile, salda,
non vuole cadere.
È l’invidia a rendermi cieca,
rea inconsapevole e avida di peccato.
È per difendermi che mi sono rotta un’ala:
giudici corrotti di presunzione,
non pronunciate verdetto
prima ancora di aver udito la mia coscienza.

Ascolto nenie stonate per non dormire
e osservo la mia ombra allungarsi su una parete che la rifletta più nitida:
è bramosa d’uno specchio cui possa narrare di lei.
Assetata mi rigiro in un fazzoletto di terra,
non riuscendo a scorgere la distesa d’acqua
che si trova al di là della collina.

Un giorno qualcuno verrà a prendermi la mano,
già odo il dolce cullare di ingenue parole:
“Vieni con me stellina schiva,
vieni e raccontami di chi ti mentiva,
di chi ti ha adulato
e, nascondendosi, ti ha disprezzato,
di chi ti ha rubato la luce
quando nella notte splendevi felice,
di chi ti ha strappato via il sorriso
e se ne è andato del tuo amore intriso”.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 17/10/2010 23:01
    Sofferenza, angoscia, depressione...
    È passato un po di tempo da quando hai scritto questa poesia, spero che
    ci sia stata una "resurrezione d'amore".
    Baci
    Lylly
  • Cal laral il 21/08/2010 21:55
    molto coinvolgente dal ritmo costante. Mi piace. È un intreccio di pentimento e nostalgia. Molto BRava.
  • roberto limbus il 22/11/2009 22:58
    complimenti... in attesa di qualcuno che ti venga a prendere... leggo speranza... e voglia di ricominciare!
  • bruno saetta il 18/04/2009 10:05
    Poesia triste ma trasmette notevole forza, o forse rabbia. Anche questa davvero molto bella.
  • Rodica Vasiliu il 24/03/2009 18:55
    È un insieme di delicatezza e forza che splende nei tuoi versi... bella11
    Ciao! R
  • Simone Sansotta il 08/03/2009 14:19
    Anche questa la trovo potente. Racconti storie.
  • Anonimo il 23/02/2009 18:43
    un linguaggio che mi è piaciuto... spesso crudo ma vero.
  • Anonimo il 21/02/2009 21:51
    Di tristezza velata la mano scrivea, nel tempo grigio dei giorni più scuri
    al suo cuor nulla dicea, di distratti e dolorosi amori.
    Bravissima Valentina. P. F.
  • giampietro habeler il 21/02/2009 19:50
    Testo poetico di un certo impegno interiore e mentale. Non è facile riuscire ad esternare le proprie sofferenze interiori.. tu ci sei riuscita. Brava..
  • Manuela Terzo il 21/02/2009 16:51
    senza parole, mi è piaciuta sul serio. triste, eppure fiera! complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0