PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Guardandosi fuori...

Così l’hai cacciata via!
Definitivamente!
Era un peso fastidioso
di cui disfarsene
la tua coscienza!
Ora è lì, gettata
in qualche discarica,
ben ricoperta da rifiuti
di qualsiasi genere.
La tua ombra, fedele,
ti segue dovunque,
non ti rimprovera la tua ombra,
il suo silenzio sembra assenso.
Che bello pensare
di essere perfetti,
ma Dio non sarà invidioso
di codesta perfezione?
Ah! Se le ombre avessero le gambe,
come fuggirebbero dagli idioti …

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • PANEPOROSSO GRANDI il 03/04/2009 23:40
    letta per caso, letta fra tante ma mi ha colpito, nei commenti ti hanno detto che è dura... forse sì, ma è diretta vera e molto bella
  • Fabio Mancini il 23/02/2009 22:39
    Signora Samsa, se si potessero inserire tra i preferiti i commenti ricevuti, sicuramente il suo figurerebbe fra questi. Pensare, vantarsi, o presumere di essere perfetti, sono sfumature diverse dello stesso atteggiamento: la superbia. E proprio perché l'uomo non è perfetto, ne mai potrebbe esserlo, poiché la Perfezione appartiene a Dio, la mia domanda aveva il preciso tono sarcastico. Tuttavia, Signora Samsa, la ringrazio di avermi ricordato che il Creatore non prova invidia per le sue creature. Questa certezza mi rassicura. Altrettanto mi rassicura avere la conferma che le ombre degli stupidi hanno le gambe. Ciò mi fa ben sperare... La cosa che forse la farà rassicurare meno, è che spesso la coscienza non spesso si ritrova, nemmeno contattando la trasmissione televisiva: Chi l'ha vista? La mia affermazione si basa anche sui fatti di cronaca nera che avvengono con una certa frequenza e che ella sicuramente è a conoscenza. Grazie, Mancini.
  • Anonimo il 23/02/2009 15:18
    Non si pensa ma si vanta di essere perfetti e Dio (il Padre) non puo essere invidioso dei suoi figli... spesso è il fratello che diventa invidioso del fratello. Mancini, le ombre hanno le gambe, quelle degli (idioti) stupidi.
  • Anonimo il 23/02/2009 11:26
    Verissima... come sempre molto bravo mon chèr... aspetto sempre con ansia le tua pubblicazioni... ti abbarccio
  • le fabbriche dismesse il 22/02/2009 20:42
    Molto dura e molto vera... bella poesia!!
  • Fabio Mancini il 22/02/2009 19:58
    Grazie a voi che continuate a leggermi, nonostante abbia perso lo "smalto" dei tempi migliori. Un saluto, Fabio.
  • Donato Delfin8 il 22/02/2009 19:32
    Molto dura. Chiusa meravigliosa! grazie a presto
  • Anonimo il 22/02/2009 15:27
    Bella Fabio. L'uomo cerca sempre di farsi di se un dio con proprie leggi, definisce ciò che bene e ciò che male con suoi parametri, i risultati sono davanti agli occhi di tutti ma si giustifica tutto per egoismo, superbia.
  • Maria Carla Boccacci il 22/02/2009 12:48
    molto molto bella, lascia amarezza, tristezza. complimenti
  • Cinzia Gargiulo il 22/02/2009 11:08
    Poesia molto bella ma piena di amarezza.
    Un abbraccio Fabio...
  • giuliano paolini il 22/02/2009 10:24
    ahime' quale deserto, le ombre hanno ben compreso il dramma e sanno che abbandonando il padrone lo renderebbero pazzo e cosi' continuano un sacrificio che come ben dici e' certamente inutile.
  • Vincenzo Capitanucci il 22/02/2009 05:36
    e penso che le Ombre lo stanno facendo... celandosi sempre di più nel nostro interno... e da bianco purissimo... diventano sempre più nere... purtoppo sembra essere la Via... non vi preoccupate quando vedrete... certo vedere dei bambini gettati nei cassonetti... in tutte le parti del mondo... stupri... a non finire... interminabili guerre che ormai sembrano infinite... depressioni economiche... morali e spirituali... fame.. tra poco le ronde... maremoti... terremoti... e quant'altro... caro Fabio...

    Bellissima poesia... sembra una voce nel deserto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0