PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

TERRA

Ambisco al riposo eterno
nel fresco ventre di madre terra
che mi mancò fissa ai piedi
e lenta inghiottirà
la croce fradicia dimenticata
per far spazio a un aratro
che forse mi sorteggerà
alla storia da interpretare
ignara del qualunquismo in vita
che mai mi appartenne
mi fu dato condanna
e mi crederà un Santo
un poeta, un guerriero

Non lasciatemi sospeso
al vostro dubbio di cielo e inferi
nel pollaio di loculi infetti
d'ipocrisia
al rovente sole
lo stesso che mi pigiò
impietoso come uva tra
compiacenze di padroni
per un sudore falso argento
costatomi l'addito
e la galera dello sguardo
mai dell'anima che sempre vagò
lontana dai vostri pregiudizi

Sarò concime per
gran vigore a una coperta d'erba
dove si anniderà paziente la vipera
uscita dalla bile
e vi restituirà il veleno
... bastardi...
non vi basterà un mausoleo
a eludere il disprezzo
a riaprire gli occhi
il due novembre
------------------------------------------
Da:Vite tremule
www. santhers. com

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 27/07/2014 10:45
    Non capisco l'assenza di commenti o recensioni per questa tua sublime!

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0