PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Follemente colpito da una incognita fonte di raggi x ultravioletti

Ormai ti sogno
In Una sognante realtà

nella mia bambinesca credulità

Felice di non essere impazzito in una infelice mente

Fortunatamente sono innocuo
la camicia di fortunata bianca forza la metto anche da solo

Qui a Sing Sing Song dagli Ossi-ining
colpito da una palla nel settimo inning
mentre giocavo da battitore negli imbattuti Yankees di una nuova York

canto ripetutamente a squarcia gola in musica Pop ridendo anche un po’ in Corn
rivivendo continuamente l’attimo mitico della scena della battuta

in un fuori campo di potente testa

imbavagliatemi come il bardo di Asterix ad un albero di vita

Vi prego

protetto curato dalla mia piccola Idefix

incatenatemi alle nuvole del Sole

per non essere ancora attratto nell’orbita di una Stella in mutande rosa dai raggi x

Mutando in una celata guerra interna fra due rose

una bianca ed un rossa

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anna G. Mormina il 22/02/2009 16:51
    No, non ti lego affatto ad un albero...
    ... se proprio lo desideri ti manderò lo stesso Idefix a farti compagnia...
    ma in fin dei conti, che male c'è ad essere attratti da una Stella in mutande rosa???
    ... sei troppo forte!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0