accedi   |   crea nuovo account

Festeggiate Carnevale...

Il rumore assordante,
la festa cresce...
Persone si riversano nella strada,
ballano, urlano, ridono.

Mille coriandoli colorati,
seguono il vento e sospirano con me.
Che freddo, per la strada,
il viso bianco e il naso umido.
Gli occhi luccicano per il gelo.

Le voci, la moltitudine di voci,
risuonano dentro me,
ma come se fossero lontane,
come se fossero un ricordo.

Io, non festeggio,
non ballo, non urlo, non rido.
Mi guardo intorno e vedo,
sento, tutt'altri sentimenti
di quelli che provo.

Non vedo altro
che gente felice
di avere una scusa per far baldoria,
per incontrarsi e parlare insieme.

Contenti di poter dimenticare
la loro storia per un momento,
contenti di poter mascherare,
anche solo per un giorno, le loro emozioni,
i propri pensieri...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Angela Marino il 15/10/2009 20:40
    Sei molto gentile... grazie!
  • Giuseppe Tiloca il 15/10/2009 20:36
    Bravissima! Mi hai fatto ricordare il carnevale, passato nella borgata di Guardia Grande, quest' anno, grazie per avermelo fatto ricordare, sei bravissima.
  • Shabui. il 25/07/2009 08:42
    La scusa per far baldoria, e ciò che ne consegue, è forse uno dei rari momenti in cui mostriamo qualcosa che si avvicina in qualche modo al nostro essere. Per assurdo, credo che a "carnevale", nonostante le nostre maschere e travestimenti, tendiamo invece ad abbassare un poco quella nostra maschera che, giorno dopo giorno, facciamo fatica a scostare. Noi uomini mentiamo, ogni giorno, a noi stessi e agli altri. La baldoria non tira fuori il peggio di noi, tira fuori semplicemente qualcosa di vero di noi, più che in altre occasioni.
    Piaciuta la tua riflessione.
    Shabui
  • Aedo il 28/02/2009 16:41
    Carnevale è passato, ma la tua poesia continua a far riflettere sui veri valori della vita. Bisognerebbe rinunciare alla maschera troppo spesso indossata ed essere autentici, manifestandoci per quello che realmente siamo nella nostra interiorità. Brava, Angela!
    Ciao
    Ignazio
  • TIZIANA GAY il 24/02/2009 10:42
    A volte si ha bisogno di mascherare e lasciare fuori i propri demoni e tornare bambini..
  • Angela Marino il 23/02/2009 11:17
    Grazie Donato e Marcello. Si, è vero... a Carnevale tutti si mostrano per quello che sono e ciò che volevo far capire è che, però, nascondono le loro preoccupazioni...
  • Marcello Caloro il 22/02/2009 21:37
    Una riflessione profonda, matura. Mi hai indotto a rimuginarci su...
    Ora ti invito io alla riflessione... esso le persone indossano una maschera, incapaci di mostrarsi per ciò che sono; non sarà che a Carnevalle riescano a mostrare il loro proprio volto? Ciao. Marcello.
  • Donato Delfin8 il 22/02/2009 21:12
    Molto sensibile. Saggia.
    In realtà se vogliamo il carnevale è la vita di ogni giorno. no?
    grazie e ancora benvenuta. a presto
  • Angela Marino il 22/02/2009 20:31
    Grazie AnnaKiara, del tuo commento. Gradisco sempre le tue opinioni e sono contenta che tu la pensi come me riguardo quest'argomento.
  • Kiara Luna il 22/02/2009 17:00
    Hai colto il lato umano del carnevale Angela.. mascherarsi fuori e dentro. Brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0