accedi   |   crea nuovo account

Ping Pong cosmico d’Unione

Sconfinare oltre confini del Sogno

Il Sogno ha ancora piccole tracce di sonno

orme troppo umane
il vento del deserto si affretta a cancellarle in linee dalle curve ignote

gommandole in vuote dune caotiche

Nelle insonni sorgenti di veglie inconcepibili in inesistenti variabili d’invariabili Assolute

esisto

Lì abbandonato l’ultimo tuo lembo di voglie
mani universali creano dal nulla secondo il sublime autonomo volere dell’Essere

non è più la racchetta che cerca la pallina

si fondono istantaneamente in Una schiacciata fulminante polverizzante l’avversario
in un unico gioco vivificando l’Amore

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anna G. Mormina il 25/02/2009 16:33
    ... un sogno-gioco che finisce con l'unione di un giocatore nell'altro...
    Bravissimo,... ti abbraccio!
  • Anonimo il 24/02/2009 14:22
    Stupendo il tuo confondere, amalgamare il tutto con l'Universo ed il Sogno con parole magiche ed alchemiche, ma il profondo significato emerge sempre... anche quando si tratta di un gioco, il gioco dell'Amore.
    Bellissimi versi
    Con stima
    Contessa Lara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0