accedi   |   crea nuovo account

Ladri di cuori

Passo leggero con scarpe di raso
salti gaudente sul manto erboso,
fiero e divelto lo sguardo ribelle,
mira sprezzante la luce delle stelle.

Onde ramate ti offuscano il volto
soave fanciulla dall’intelletto svelto,
giammai pensasti di inciampar maldestra
mentre due occhi ti scrutano da una finestra.

Ligio il pensiero che ti occupa la mente
onesta compagna di chi è sempre presente,
ignora parole di zucchero e miele,
fuggi tra le braccia dell’uomo leale.

Striscia sottile con sorda movenza,
tentazione che inganna e getta la lenza,
codarda catturasti l’anima di colei che tanto avea amato
chi a fatica il suo cuore aveva conquistato.

Ecco si è insinuata inesorabile
trascina l’innocenza sua con forza inarrestabile,
passione avida rendesti la vittima una complice,
persa sospirante tra le mani del carnefice.

Abile ammaliatore di petali l’avvolgesti
e gli esili polsi a te legasti,
sapiente sfiorasti le cosce tornite
mentre ella vedea ghirlande fiorite.

Fu così che la bella prigioniera
perse le chiavi della cella di cera,
ordì infide trame il carceriere gentile
che ora ella abbandona il corpo al suo desiderio vile.

Lacrime amare bagnano il viso
di colui il cui amore fu tanto deriso,
tristi presagi si abbatteranno
su coloro che osarono tendere l’inganno.

Nudo rancore che affili la lama
tendi la morte alla mano che trema,
nutri il dolore dell’uomo infranto
e copri di nebbia ricordi d’incanto.
Mura di latte tendete l’udito
un crimine tremendo sta per esser compiuto,
fermate quei corpi che soddisfano il peccato
che fuggano lontano dall’amante indesiderato!

Rapida e feroce

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Anonimo il 22/07/2010 15:08
    c'è una musicalità meravigliosa e intensa, sei molto brava sai?
  • Luigi Locatelli il 05/07/2010 10:30
    secondo me: parte bene poi ad un certo punto cambia di ritmo dando l'impressione di essere stata scritta in tempi diversi e lontani tra loro... questo passaggio disorienta il lettore togliendo fluidità e comprensione al testo...
  • Anonimo il 30/05/2010 08:45
    Bella poesia creata con intelligenza
  • Maria Rosa Cugudda il 24/04/2010 15:12
    Poesia scritta con maestria e con tematica valida; il fruitore, però, non sempre gradisce un testo così esteso, si potrebbe, perciò, sfoltire un po' , a vantaggio principalmente della lirica!
  • roberto volpe il 06/01/2010 16:19
    Un po' lunghetta...
  • Donato Delfin8 il 29/12/2009 23:42
    Buone Feste e 2010
  • Anonimo il 18/04/2009 11:23
    Piaciuta anche se in alcuni punti perde il ritmo, ma mi rendo conto che non è semplice farla così ritmata
  • bruno saetta il 18/04/2009 09:44
    Sono stupito dalla notevole musicalità della poesia. A leggerla d'un fiato sembra quasi di sentire la musica. Ed è anche davvero bella. Se mi permetti, però, verso la metà cambia il passo e perde un poco in vigore. Forse è un po' troppo lunga. Comunque bellissima.
  • antonio castaldo il 03/04/2009 20:08
    veramente bella... mi è piaciuta tanto così com'è
    sarà perchè ogni tanto son lunghetto anch'io.
    bravissima. kiss
  • Rodica Vasiliu il 24/03/2009 18:59
    Molto bella e forte anche questa!! Piaciuta molto!!
  • Simone Sansotta il 08/03/2009 14:13
    Potenza da ogni parola, senza privarsi di musicalità.
  • Alberto Veronese il 25/02/2009 08:23
    una lettura che rapisce e incanta. piacere e complimenti. ciaociao.
  • Fabio Mancini il 24/02/2009 22:11
    Letta e riletta. E devo dirti che mi è piaciuta molto la raffinatezza del verso e l'accurata musicalità. Hai la stoffa per essere una brava poetessa! Un cordiale saluto, Fabio.
  • Diana Moretti il 24/02/2009 20:42
    A mio parere la lunghezza del testo fa perdere l'efficacia del significato. Apprezzata la cusa dei versi. a rileggersi. Dia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0