accedi   |   crea nuovo account

Achille

Ho scelto di combatter
le battaglie della vita,
cinto dai ferri d’Efesto.

Baio e Xanto, fidi,
conduco alla vittoria,
ad essi m’affido.

Depredo bronzi nemici
sparsi sui campi.
Non vi sarà debole tallone,

il dardo di Paride
squarcerà il cuore.
Briseide v’entrerà e…

…avrò trovato il mio destino.
Solo allora morirò,
morirò d’amore.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 25/02/2009 18:49
    È bellissima... specialmente la chiusa... sei unico!!!
  • M. Cristina Tacchini il 25/02/2009 15:35
    Bella tutta la poesia, bellissima la chiusa. Complimenti, Marcello! Un caro saluto.
  • Cinzia Gargiulo il 25/02/2009 14:39
    Bella! Poesia molto particolare.
    Un abbraccio...
  • Vincenzo Capitanucci il 25/02/2009 13:35
    Oh dolcissima Briseide... schiava... in bottino di guerra... ma amata... quanto ti avrei voluta in Sposa... se non avessi avuto... un punto debole... nella mia caviglia... morirò d'Amore se mi fai questo... me ne lavo le mani... Menelao...
    Credo che se ci incontrassimo... Marcello... succederebbe un mito-logico... avvenimento...
    Bellissima...
  • Anonimo il 25/02/2009 11:41
    Molto bella! L'ardire dell'uomo in chiari riferimenti mitologici; il trasporto verso il sublime connubio amore-morte.
    Contessa Lara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0