PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

LA ZANZARA

Lasciò la palude
venne sul mio collo
bussò con un ronzìo
alle porte delle vene
si servì senza risposta
del mio sangue
avvelenato
di rimorsi

Con un giro
fece un aureola
intorno ai dolori
impigriti
di mestiere
a guardia del grigiore
arbitro sicuro
di luci e ombre
briganti e esche
per la rapina
delle gioie del cuore

Dissi alla zanzara
vai da lei
per una trasfusione
e spezzagli
il sorriso
del suo mondo
che mi esclude

L'animale disse
c'è troppo peso
nella rabbia
e non riesco più
a volare
verso le gioie
che dovrei inquinare

Rovesciò le ali
sulla bianca formica
e morì
insieme all'ultimo
sussulto
che pur nel peggio
il mio cuore
... avrebbe avuto...
-----------------------------
Da:Silenzi che hanno parlato al vento
www. santhers. com

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Elena il 27/06/2006 11:45
    Muy guapa la Zanzara!. Vado a legger l'opra in toto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0