PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

jestes

Indifferenti case erse a mura,
nuvole da soffitto
e, dopo appena uno sputo d'acqua,
la costiera,
a sigillar la cella.

Tu,
che venisti a visitarmi
colorando questa grigia prigionia
ora, senza allarmi,
catturi il mio pensiero e lo porti via.
Lo porti via con te,
squarcio tra le nuvole
e raggio di sole che lo penetra
lieto e duro
mi asciuga e mi acceca.
Sei la mano che mentre il treno corre
lascia impronte, traccia il cerchio
nel vapore del vetro
per mostrarmi il mondo che scorre.
Sei quest'oceano
che mi colpisce con le sue onde, con violenza
per poi ritirarsi
offeso della mia irriconoscenza.

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/07/2013 11:20
    Splendida poesia, complimenti

4 commenti:

  • Rocco Burtone il 25/06/2009 11:53
    Poesia amara e matura. Bella
  • cesare righi il 26/02/2009 22:07
    letta solo ora, bella
  • Anonimo il 26/02/2009 12:42
    Piaciuta!
    Contessa Lara
  • Anonimo il 25/02/2009 23:43
    Bella, complimenti
    a volte la cecità dell'anima, non fa vedere dove vige il vero amore...
    oppure è la paura che lo allontana.
    Ciao
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0