PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L’infinita nudità osmotica dell’essere

Strappami tutto
anche il mio ultimo bene

L’amore la bontà la gentilezza del mio cuore

rubami spezza acceca anche questo cuore dagli occhi umani
in uno tsunami dalle spietate mani

lasciami solo nella più povera essenza
in un vuoto puro

abbandonami

in Un misero barbone
sotto i ponti altissimi dalle volte celesti

ero nel freddo
nella completa nudità

un morto vivo
in un nulla di natura

L’estrema povertà sfida l’infinita ricchezza

in una trama del destino
compenetrami

in Vita

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • giuliano paolini il 26/02/2009 20:43
    toglietemi tutto ma non il mio om breil
  • Anna G. Mormina il 26/02/2009 20:11
    ... 'L’estrema povertà sfida l’infinita ricchezza...'
    L'unica ricchezza che possediamo è proprio l’amore la bonta è la gentilezza del nostro cuore!
    ... è bellissima! :o*
  • Anonimo il 26/02/2009 16:23
    Stappami8 tuttto??? Mais tu es fou mon cap!!! Et je t'adore pour ça!!!!
  • stefano manca il 26/02/2009 16:22
    molto bella;parole forti sincere
  • Anonimo il 26/02/2009 10:19
    Piaciuta
    Contessa Lara
  • M. Cristina Tacchini il 26/02/2009 08:59
    Una sinfonia di Essere, Vincenzo! Ti auguro una giornata radiosa. Ciao!
  • Fabio Mancini il 26/02/2009 08:50
    Mi piacciono i tuoi versi. Mi piace la tua passione. Ma se Dio desse ascolto alle tue parole? Ciao, Fabio.
  • cesare righi il 26/02/2009 08:32
    Devastante

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0