PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Anima

Mi aggiro libero, in questo luogo misterioso
nell’aria fresca profumo di fiori
pervade il mio essere
Vorrei correre gridare,
il momento impone rispetto
il brusio soffocato delle gente intorno a me
mi annoia

Mi annoio osservandoli
a capo chino, ostentano falsa tristezza
guardando tutti nella stessa direzione
Mi avvicino curioso della loro curiosità
E guardo, guardo
me stesso
luce spenta
in questo mondo di ombre.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 15/05/2011 18:30
    bella francesco complimenti
  • angela testa il 03/06/2010 17:23
    belle parole...
    ritrovarsi...
    e capire sè stessi...
  • Maria Rosa Cugudda il 03/06/2010 17:18
    gradita opera, buona la tematica, scritta in forma scorrevole.
  • Regina Ghiglietti il 16/03/2010 22:19
    per vedere se stessi bisogna essere circondati solo da se stessi non ci deve essere nessun'altro purtroppo questi momenti nella caotica routine della vita quotidiana non sono molto frequenti e ti trovi immerso nella gente nel rumore e questo rumore ti annoia, ti fa diventare di nuovo uno dei tanti...
  • do ca il 15/05/2009 00:06
    complimenti
  • Anonimo il 27/02/2009 17:43
    Un vero e proprio sfogo poetico.
    Piaciuta
    Contessa Lara
  • michela zanarella il 27/02/2009 15:36
    alienandoti dal mondo cerchi te stesso...
  • Anonimo il 27/02/2009 14:15
    Piaciuto il trascendere dalla propria essenza per osservare se stesso, isolandosi dalla folla...
    Un saluto
    Contessa Lara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0